C’É CHI PUÒ

La libertà come “valore” è il valore dei poveri, elargito alle masse con un civile sogghigno mascherato, poco panem e niente circenses.

Se questa parola significa qualcosa, significa che c’è chi può (verbo “potere”), che qualcuno si permette, cosa rara fuori violenza.

Il nemico di questa libertà ha un nome tradizionale, quello di “invidia”.

Il potere sta di casa nel Diritto come il regime del permesso giuridico, non concesso:
il Diritto – nella misura in cui è, misura ristretta – è l’Ordinamento del verbo potere.

venerdì 9 giugno 2017

 

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dim.
pdf 170609TH_GBC3 97 KB

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Copyright © 2017 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy


Credits

Contatore utenti connessi


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi