FREUD TERZO INCOMODO

tra medici e preti, tra cristiani e ebrei o il convitato di sangue
Nuove note di introduzione al Convegno

 

1° Da che posto
2° Premessa: la legge come legge di moto di corpi (“umani” grazie a questa legge)
3° Freud terzo incomodo, prima versione: tra medici e preti
4° La patologia dello spirito (“nevrosi” et coetera) conseguente al peccato originale
5° Freud terzo incomodo, seconda versione: tra cristiani e ebrei
6° Religione e pensiero
7° Tolleranza del pensiero per la religione, intolleranza della religione per il pensiero
8° I test di Gedeone e di Gesù
9° Ignoranza religiosa e paradosso della religione: impossibilità della fede, o il credente coatto
10° “Padre”

 

1° Da che posto

In questa nuova introduzione parlo – come già in Mosè, Gesù, Freud – dal posto:
non del cristiano che pure sono, benché senza correlato confessionale necessario (necessità logica),

non dell’ebreo che non sono, salvo aggiudicarmi l’ebraismo di Gesù, il medesimo di Freud, ma del freudiano che sono senza riserve.

2° Premessa: la legge come legge di moto di corpi (“umani” grazie a questa legge)

É noto che ricapitolo il pensiero di Freud in ciò che chiamo “pensiero di natura”, pensiero de natura legislativo e conoscitivo insieme (conoscenza per fructus come supplemento della conoscenza per causas). Si tratta della legge di moto già detta “pulsione”:  …

fine marzo 2006

Apri file

Pubblicato su www.studiumcartello.it


Download

File Dim.
pdf 060403B&B_GBC3 378 KB

Copyright © 2018 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016