1° SEDUTA – LA TEMPESTA, E I DUE ALDILÀ

Seminario 1994/95
“Aldilà. Il corpo”

 

 

  1. Corpo, pace, guarigione

Sì al colto, ma critica alla cultura. Sì al colto, al soggetto competente, che allora è critico nei confronti della cultura, quale che sia.

Nessuna tempesta va addomesticata; la tempesta non è la guerra e tanto meno la guerra civile. Anzi, la tempesta – inclusa quella personale – è un fenomeno normale, che sarebbe erroneo considerare espressione di psicopatologia.

«Grande è la confusione sotto il cielo: la situazione è dunque eccellente»: la confusione sotto il cielo è la tempesta; assumo questa espressione per riferirmi alla normalità.

Rispetto alla tempesta, definita come normale, c’è una pace il cui nome – ricevuto nel primo decennio del Novecento – è Trieb, pulsione. Mentre la perversione è guerra, la pulsione è normalità e la pace avviene quando si raggiunge il Trieb, la pulsione.

La nostra proposizione (proposta) è: l’aldilà non è l’Aldilà; l’aldilà è l’aldiqua. Non vogliamo dire che l’aldilà incomincia al di qua, perché sarebbe come dire che verrà un dopo, secondo un programma esistente nella natura o nella cultura. L’aldilà è il punto di partenza e il corpo umano, in quanto umano, è quell’eccezione alla natura che è già aldilà della natura, è quel punto in cui la natura si fa questione di soddisfazione. Dato che nella natura non troviamo nessun punto in cui sia posta la questione della soddisfazione, il corpo umano (Trieb si traduce con corpo umano) è un’eccezione nella natura. Dunque: che esistano dei corpi umani è aldilà della natura.

Il corpo, in quanto incentrato sulla soddisfazione, è il luogo della pace. La parola «pace» è fra le migliori per denominare ciò che possiamo chiamare «conclusione», «guarigione», «soddisfazione» ed è molto importante che si tratti della medesima parola che ricorre nella Città, in politica. Il concetto di guarigione è uno e coincide con il concetto di pace. Nella storia delle civiltà, il concetto di guarigione ha fatto appena capolino per essere subito rinnegato: oggi, in tutte le discipline «psico» (così come nella letteratura e in altri contesti), la stessa parola «guarigione» è semplicemente abiurata, non ha cittadinanza. Essa va intesa nel senso della Rivoluzione francese: è «il nuovo regime» rispetto a un Ancien régime. Noi siamo gli ultimi Mohicani (speriamo i primi di una razza di nuovi Mohicani) che mantengono sia la parola sia il concetto.   …

Leggi tutto


Download

File Dimensione del file
pdf 941202SC_GBC3 611 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.