2° – IN PRINCIPIO ERA IL VERBO

Corso 2010-2011
LA PERVERSIONE AL BIVIO
IL TRIBUNALE FREUD

 

 

Allora, comincio da un intermezzo per iniziare: erotomane, facciamo un po’ di erotomania.

Giusta l’osservazione di Gabriella Pediconi. Perversione sessuale. No. Non esiste la perversione sessuale, perché la perversione abolisce i sessi, papale papale, semplice. Con la flagranza che tutti conoscono, con eccesso di drammatizzazione isterica, pubblica – l’abbiamo visto negli ultimi due o tre anni a proposito della pedofilia. Io dico, non a caso su scenario cattolico. Nella pedofilia sono aboliti i sessi, non c’è il sesso nel bambino e poca roba è il sesso del pedofilo, il proprio della pedofilia è: non ci sono fatti sessuali. Uno, di solito uno o qualche organo in più sono lì per lì implicati ma nel senso che si dice l’espressione: facciamolo fuori. Quello che è più comune, la pratica più comune dei sessi è “facciamoli fuori”, la perversione li fa fuori del tutto. La perversione li fa fuori ancora più che nel feticismo – anzi, la pedofilia è feticismo, è il bambino usato come feticcio, come le mutande di Biancofiore; tempo fa dicevo che il feticismo non è le mutande della ragazza, è le mutande invece della ragazza e il bambino è invece del sesso.

Ancora un po’ di erotomania, ovviamente no. C’è un solo caso di normalità – non mi attardo sulla proibizione che dura da almeno cinquant’anni sulla parola normalità: “La normalità non esiste”, eh no!

C’è un altro scenario di pensiero su cui si può, ed io lo faccio, parlare di normalità – nulla a che vedere con la statistica. La normalità potrebbe essere di tre persone su tre miliardi, la normalità non è democratica. Quando – l’avverbio temporale designa la contingenza, ovvero può essere e può non essere -, allorché si dia vita sessuale normale, questa è ed è soltanto una buona idea. Mica si è obbligati ad avere una certa idea, ma quando è normalmente, che significa anche soddisfacentemente, è solo una buona idea, così come vengono delle buone idee: ieri ho avuto una buona idea sul lavoro, una buona idea di andare al cinema questa sera, una buona idea di incontrare una certa persona etc., è semplicemente una buona idea. …

Leggi tutto


Pronunciato il 13 novembre 2010
Trascrizione a cura di Sara Giammattei.
Revisione a cura di Glauco Maria Genga
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 101113SC_GBC1 475 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.