3° – PECCATO CHE SIA FEMMINA. CONCLUSIONE

Corso 2010-2011
LA PERVERSIONE AL BIVIO
IL TRIBUNALE FREUD

 

 

Rapidamente. Sto per terminare il pezzo promesso per sabato e domenica2 e consisterà in una rivelazione, anzi ne “la rilevazione”. Mi sono detto: “Siamo uomini o caporali? Chi sono io, il figlio della serva? Ho la mia rivelazione anch‟io”. Stasera vi dirò la mia rivelazione e la mia rivelazione è su che cos‟è il mistero. Se n‟è parlato per tutta la mattina, ma io stringerò sul mistero: questa sera saprete tutto su qual è il mistero.

Sequenze di osservazioni altrettanto brevi.

La perversione dopo Freud ha fatto molti progressi; abbiamo già detto – sto facendo della storiografia in questo caso – che il tempo non passa invano, magari per il peggio, ma non passa invano. Uno dei progressi – stante che Freud è quello che ha parlato di incesto – o l‟opera della perversione successiva è stata quella di qualificare come perversione l‟incesto: non si troverà mai qualcosa che è peggio di un peggio precedente. No, si troverà sì, qualcosa che è peggio di un peggio precedente.

Yunus: ringrazio Saccaggi per averne parlato e per come ne ha parlato. Come Yunus si è occupato dei poveri? Infischiandosene dei poveri; si è occupato di soggetti economici ancora trascurati. Stessa osservazione – e già fatta, ma non è abbastanza nota ahimé – per Marx ne Il Manifesto del partito comunista, il quale è inferocito e pure bruto contro quelli che vogliono occuparsi dei poveri: lavorare per la condizione sfavorita della classe operaia e di tutti gli altri. Lui vuole tirar fuori dei soggetti, non occuparsi dei poveri. Lui lo chiama “rivoluzionario” e lascia aperto il nostro ritorno sulla parola rivoluzione, ma insomma, anche per Marx, niente occuparsi dei poveri. Pari pari Freud: non si è occupato dei poveri malati, lo ricordavo ieri sera. Nel corso di un‟analisi io posso dire a qualcuno: “La smetta di rivolgersi a me come farebbe un malato”. …

Leggi tutto


Pronunciato l’11 dicembre 2010
Trascrizione a cura di Sara Giammattei.
Revisione a cura di Glauco Maria Genga
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 101211SC_GBC1 436 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.