4° – CONIUGIO – STORIA – UNIVERSO E UNIVERSITÀ

Corso 1997/1998
UNIVERSITÀ. CHE COSA POSSO SAPERE

 

 

Abbiamo ancora un’ora, ma non è necessario che io parli un’ora, nel senso che se in questo istante preciso o meglio fra la prima e la seconda battuta di ciò che dirò qualcuno dei presenti avesse qualche considerazione da fare, questione o obiezione, lo faccia.

Le tre battute hanno tre titoli molto sommari. Il titolo della prima è “Coniugio”.

Nella ricapitolazione dei due ascoltati, anticiperei, abbiamo già posto come il primo due un duo fondante che è il due di due posti e due soggetti. I due posti non ci sono senza i due soggetti, i due soggetti non ci sono senza i due posti. Ma l’esserci due posti è quello che assicura che quei due là — vorrei che fosse frequente questa espressione per un motivo che mi inoltro a dire —. Il fatto che ci siano due posti assicura che i due siano uno e uno, che siano individui. Ossia che non siano confusi, i loro pensieri non siano confusi, ossia che non siano ammalati. Ma come senso generale di ciò che vado dicendo potete come fosse una nota appuntarvi una frase già ricordata nel nostro contesto, che suona così «Viva la Polonia, perché se non ci fosse la Polonia non ci sarebbero i Polacchi». Cosa che si vede subito: la costituzione della Polonia è la condizione perché ci siano i Polacchi. Ciò che cercherò di dire sarà il nesso fra quei due e la Polonia, l’universo.

Che cos’è un folle, uno psicotico? È uno che si definisce un polacco senza la Polonia.

Un adagio caratteristico del diritto tuttora funzionante è tres faciunt collegium: per fare un’associazione, un legame sociale ce ne vuole tre. Se si vuole fare un’associazione da un notaio bisogna andarci in tre almeno. Non è il caso del nostro fare. Il nostro caso è che duo faciunt collegium. Non c’è l’esigenza di un terzo. Non c’è l’esigenza di un terzo perché i due facciano il terzo, generino il terzo. I due pongono in essere il collegium: l’universo è generato da quei due in quelle due posizioni.  …

Leggi tutto


Pronunciato il 10 gennaio 1998
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 980110SC_GBC1 483 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi