4° – DIBATTITO CONCLUSIVO

Seminario 1991 (Pavia)
“PSICOLOGIA. UNA QUESTIONE APERTA”

 

 

Domande

Cosa pensare di un modo molto invadente con cui la psicologia entra nel mondo, ad esempio il marketing, o nelle istruzioni date alla persona che fa indagini di mercato al telefono, o il rilievo di quello che pensa la gente sui fatti importanti?
Mi sembra che questo sia importante, perché c’è una violenza connessa con l’uso della psicologia nelle strutture, ad esempio quella scolastica.

*****

Se è stata fatta terra bruciata dei concetti, del pensiero, è possibile ancora una metodologia che si salvi dai rischi che sono stati detti?

*****

La libertà: la scienza e il sapere escludono la libertà; con la psicologia ci si può arrivare. Vorrei alcuni approfondimenti su questo.

*****

La domanda è vissuta nella nostra cultura come umiliazione: perché evidenza di una mancanza, di una autonomia?
Se siamo dei “senza un più”, allora la vendetta e l’invidia nascono dal rilevare il “più” dell’altro?
L’altra volta diceva che «il bisogno fa diventare carogne, il desiderio fa domandare»: sembra allora che il bisogno sia passivo e il desiderio attivo.
Viene da pensare alla frase: «A chi ha sarà dato, a chi non ha sarà tolto anche quello che ha».


Giacomo B. Contri

La frase «A chi ha sarà dato…» è una delle poche frasi di buon senso che siano mai state pronunciate nella storia. Ma poi mi ci fermerò…

Il capitalismo rampante della modernità se n’è un tantino approfittato, distorcendo leggermente lo stato dei fatti.

Domande

“Soggettivismo”: la parola autorità sembra ostile al soggetto.
Invece, alla luce di quanto detto, sembra che la parola
autorità sia in qualche modo legata al Soggetto. Come?

*****

Lei l’altra volta diceva che una persona guarisce quando sa ciò che chiedeva. Che cos’è allora la domanda del terapeuta?
In che modo queste due domande, quella del paziente e quella del terapeuta, si incontrano?

*****

L’altra volta parlava dell’ «offerta di cui non si pone la domanda»: perché la scuola non sa accogliere le domande o le domande non si pongono, o quale situazione può favorire il porre domande?

 

Giacomo B. Contri

Direi a tutti gli insegnanti, ma lo direi anche a tutti gli psicologi e a tutti – ma prendiamo gli insegnanti e la categoria che li rappresenta come eccellente caso per meglio illustrare ciò che ora dico – : voi insegnanti non mettetevi a fare gli psicologi!  …

Leggi tutto


Pronunciato il 21 marzo 1991
Trascrizione e revisione a cura di Gilda Di Mitri
Testo non rivisto dall’Autore
La raccolta completa dei testi degli interventi al Seminario è disponibile sul sito www.studiumcartello.it


Download

File Dimensione del file
pdf 910321ANTE_GBC1 662 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.