4° – DIRITTO (II)

Corso 1995/1996
“UNIVERSITÀ”. RI-CAPITOLARE

 

 

1. Il men-dato di partenza rende possibile il diritto della legge di natura

La distinzione fra due diritti ha come sua condizione la preesistenza di un errore. Un solo diritto – la legge giuridica di natura, la nostra clessidra – non basta: ha bisogno di un compagno che è l’altro diritto.

Per una sola ragione si dà possibilità (non: necessità) che in ciascuno si formuli la legge di moto – di movimento dei nostri corpi – che abbiamo chiamato «di natura»: nel neonato, a partire dal neonato non c’è abbastanza natura. Partiamo da «poca natura», da «non abbastanza natura» perché non ci sono istinti ovvero leggi che l’essere umano ritrovi già fatte. Mentre le api – quanto alla legge del moto dei propri corpi – vivono comode, non pensano e incominciano subito a fare il loro lavoro, il nascere umano è nascere a «poca natura», a «meno natura».

Il dato di partenza è un men-dato, è un dato in meno: non partiamo da leggi di moto già poste nella natura del nostro corpo. Stando così le cose, o si sta senza legge – e si chiama morte137 – o bisogna arrangiarsi e inventarsela: si fa di non-necessità virtù.

Un istinto è necessità. Noi partiamo da un meno di necessità ossia dall’assenza di leggi causali che all’ape o al gattino dicono che «si fa così». Il gattino ha abbastanza istinto: appena nato va subito a succhiare. Non è il caso del bambino, nel quale l’offerta del seno precede la domanda: la legge del moto dei nostri corpi viene infatti posta ed è ingenerata in modo perfettamente visibile e descrivibile: «Allattandomi, mia madre…».

Si parte da un men-dato. Tutto è dato, a eccezione di qualcosa che è un meno nell’ordine dell’essere già dato: la legge del nostro movimento non è affatto data. La costituzione della legge, che comincia dal lattante, è pre-educativa. Quando nasce, la legge formulata con «Allattandomi, mia madre mi ha eccitato al bisogno di venire soddisfatto per mezzo di un altro» è già perfetta.  …

Leggi tutto


Pronunciato il 16 dicembre 1995
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
I testi relativi agli interventi di questo Corso sono stati raccolti nel volume «Università». Ri-capitolare, Sic Edizioni


Download

File Dimensione del file
pdf 951216SC_GBC3 304 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi