4° – NORMALITÀ. CONCLUSIONE

Corso 2010-2011
LA PERVERSIONE AL BIVIO
IL TRIBUNALE FREUD

 

 

Ha ragione Rotondi a ricordarci il dogma che l’uomo non è correggibile, questo non è presente solo lì. Uno dei vantaggi di fare l’analista è che dogmi così vi si incontrano. Tutto quello che si può chiamare resistenza a volte mi sbalordisce. Ancora, benché vecchio di analisi, sono sbalordito da un dogma di una persona che è lì a lavorare per mezzo di me. A volte mi fa ancora impressione. Non uso mai il verbo “mi colpisce”, ma ancora oggi questo mi colpisce; il riportarlo però a dogma individuale che si incontra in alcuni rende non solo culturale ciò che ci è stato appena riferito.

La parola “astratto”: vi faccio notare il livello di astrazione dei tre – più Mariella Contri, quattro – interventi che abbiamo sentito. Mi riferisco di certo anche a quello più esteso e buono di Gabriella Pediconi sul capitalismo, ma ora devo dire che dobbiamo fare un elogio speciale a Raffaella Colombo: non ho mai sentito, e neanche voi, una così perfetta lezione di metafisica e ontologia da quando esistono le facoltà di filosofia. È stato spiegato così bene per mezzo di – e involontariamente grazie a – un tecnico informatico che io stesso ho incontrato una volta e che va appena al di là dell’analfabetismo: un bravo ragazzo, un nevrotico ossessivo di quelli, ma comunque analfabeta, analfabeta. Avrà letto qualche libro giallo, super eroi, cose così. Non si rendeva conto e io ora vi richiamo a questo. Ripeto: perfetta lezione di metafisica e ontologia, perfetta, senza neanche sapere che esistesse un mister Suarez, un Kant, Wolff né dell’esistenza di Cartesio né di Pascal né di Heidegger. Questo signore, nominati questi personaggi forse avrebbe potuto rispondere che lui conosceva Capitan America ma sicuramente non Kant, eppure il filosofo era lui e anche teatralmente ha mostrato molto bene che era lui: “Mi dica gli oggetti, mi dica l’ontologia”, non ha detto metafisica solo perché questo non glielo avevano insegnato, ma se no, avrebbe detto metafisica.

Potete fare ciò che io ho fatto: andare su Google a cliccare “ontologia” e vi compaiono pagine e pagine di informatica e solo di informatica; forse se andate alla pagina 27 troverete un vago riferimento ad Heidegger o a qualche filosofo, altrimenti è tutta informatica: correttamente, ma non lo sanno.  …

Leggi tutto


Pronunciato il 22 gennaio 2011
Trascrizione a cura di Sara Giammattei.
Revisione a cura di Glauco Maria Genga
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 110122SC_GBC1 549 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.