5° – A CHE PUNTO SIAMO. SPERANZA O CERTEZZA?

5° SIMPOSIO
A CHE PUNTO SIAMO.
SPERANZA O CERTEZZA?

Introduzione

 

Ho salutato con piacere Alberto Colombo che è qui con noi.

Ora in breve, ricordando la formulazione del tema di oggi “A che punto siamo”, vi invito a osservarne una frase. Una frase la si osserva, si osserva qualsiasi cosa che sia osservabile, si osserva che cosa c’è scritto lì.

Ancora quando ero giovanissimo usava dire: “Bisogna saper leggere fra le righe”, ovvero l’intelligenza sarebbe saper leggere in–fra le righe. Son tutte palle: fra le righe non c’è scritto niente, puro spazio bianco per ottenere la leggibilità. Fra le righe non c’è scritto assolutamente nulla, si leggono le righe.
Aggiungo solo qualcosa – approfittando di un passaggio di Flabbi nel suo scritto2 preparatorio per noi – a proposito del giudizio sull’albero a partire dai frutti: attenzione, lasciamo che finalmente si sposti la nostra idea di giudizio.
Il giudizio non è: “Ah, che albero!” come si dice: “Ah, che bella Angelina Jolie!”, tanto per prendere un punto su cui mi sono esercitato recentemente: no, il giudizio sull’albero consiste tutto e soltanto nel lavorare con l’albero affinché dia frutti e, secondo, nel mangiare i frutti dell’albero.
Non c’è il giudizio: “Che buon albero!”, “Applaudiamo all’albero!”, “Festa dell’albero”, niente di questo genere. Il giudizio è il lavoro per il frutto e l’acquisizione (si dice anche “il godimento”) del frutto.
Ogni altro giudizio – a me è capitato molte volte di riceverlo e non mi sono sentito lusingato. Io sarei bravo e intelligente: non me ne importa un fico, anzi, è un modo per marginalizzarmi, per mettermi in freezer – non serve; il giudizio è lavoro e godimento, lavoro per il frutto e godimento del frutto. Questo è il giudizio.

Riprenderò fra un poco per dare ora la parola a Mariella Contri, poi penso anche a Luca Flabbi, a qualche chilometro da qui, che però non può sentirci ma, così mi dice Genga, sarà avvertito quando potrà prendere la parola per farsi ascoltare da noi.

Apri file


Pronunciato il 18 maggio 2013
Trascrizione a cura di Sara Giammattei
Revisione di Glauco Maria Genga
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 130518SAP_GBC1a 251 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.