6° SEDUTA – INTERVENTO

Seminario 2005-2006
I VIZI DELL’IDEALE DELL’IO, O “NARCISISMO”, INDIVIDUATI DA FREUD: INNAMORAMENTO, IPNOSI, PSICOLOGIA DELLE MASSE (O DEI GRUPPI)

 

Ho imparato nella vita che quando si trova un esempio, allora ci siamo. Qui, la dolcezza – che è un po’ come dire alla Platone il bello, la bellezza, il vero, la verità, il buono: finiamola con la dolcezza. In breve, quando ero piccolo, quella sadica di mia madre – che per altri versi è una brava persona, con tutta la sua formazione reattiva, e ancora oggi voglio bene alla mia mamma – quando ero piccolo e mi ammalavo, come tutti i bambini con l’influenza, mi dava…  l’olio di ricino. Non ridete, l’olio di ricino è dolce. E’ la cosa più schifosa, più repellente che esista sulla faccia della terra. I fascisti lo davano agli oppositori: mezzo litro e quelli morivano di collasso cardiocircolatorio. L’olio di ricino è dolce, rientrerebbe nella categoria della dolcezza. Non ci avevo mai pensato, vi ho pensato ascoltando la parola dolcezza. Tutto ciò che entra nell’ideale, in questo caso la dolcezza, è il nostro nemico. Con l’olio di fegato di merluzzo non funzionava: quello non era dolce. Ma c’era l’olio di ricino che è dolce… Il vero punto su cui il nostro cervello si deve rompere in due sul giudizio è distinguere il buono e il cattivo, anziché il bene e il male, e è sul dolce. Esiste un caso di dolce che è l’olio di ricino che è repellente, disgustoso, nemico etc. Quindi basta con il dolce.

*****

In ogni caso, con tutte le battute che stiamo facendo, suggerisco di tenere per buono l’esempio di un dolce assoluto: siccome dolce, sarebbe  un assoluto, ovvero dolce è buono. Bisogna inserire la mannaia entro parole o pseudoconcetti come quello del dolce. Non è vero: esistono dolci che assassinano, e in questa specie di concetto o categoria  bisogna entrare con la spada. Gesù Cristo diceva di avere portato la spada: entrate con la spada in mezzo a tutte le categorie. Non è vero che il dolce è buono. L’olio di ricino è malvagio, o il dolce dell’innamoramento. …

Leggi tutto


Pronunciato il 10 marzo 2006
Trascrizione a cura di Sara Giammattei
Revisione di Glauco Maria Genga
Testo non rivisto dall’Autore


Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.