8° – ANNOTAZIONI

Corso 1997/1998
UNIVERSITÀ. CHE COSA POSSO SAPERE

 

 

Vi voglio applaudire, perché se bisogno ve n’era, io ho visto, meglio ho sentito — anche se è notevole vedere il parlante — l’università in atto. Noi facciamo l’università. Lucia Genga nell’intervallo ha fatto un’osservazione che potrebbe valere per cento altre: «Adesso ho capito cos’era Nicea». La stessa frase potrebbe applicarsi a cento altri punti. So che non è un’offesa il mio epiteto la «nostra analfabeta di fiducia”, perché sta frequentando l’università. Questa. E un giorno sarà laureata. Sarà interessante inventarsi la specie di laurea.

Aggiungo solo: chi c’è in questo nostro mondo che non sia almeno un poco swedenborghiano? Aggiungo: ditemi se conoscete un qualche cristiano che non sia almeno un poco Swedenborghiano. Io avevo 15 anni e che avevo letto tutto Dostoevkij e vedevo e udivo — e ancora oggi non è cambiato nulla, anzi la situazione è peggiorata —  applaudire come il massimo del cristianesimo la frase dei Fratelli Karamazov che ci ha segnalato Dazzi come perfettamente cristiana, cattolica: «la preziosa immagine di Cristo».

È tutto Swedenborg che è condensato in questa frase: non ho trovato un cattolico che non applaudisse come cattolica questa frase, che è versus, è l’ostilità frontale.

Mi piacerebbe fare molte altre osservazioni su Swedenborg. Non a caso il Corso di quest’anno è iniziato dal Cristo di Michelangelo. È il Cristo di Swedenborg, di Kierkegaard, di Dostoevkij e di Pascal.

Vi do un esempio di swedenborghismo corrente nella spiritualità corrente: io approvo il monachesimo, lo condivido, ma in seno ad esso quante volte è stata pronunciata, più spesso da una candidata monaca e non da un candidato monaco una frase come «Tu lascio per un amante più alto». È Swedenborg: Cristo è Séraphîtus, «ti lascio per Séraphîtus». Proprio quel po’ di moralità che può avere la ratio

L’indea della conoscenza, onniscenza, intuitiva di Dio: è il Dio di Séraphîtus, il Dio di Swedenborg.

Ritengo che tutto il nocciolo, il solo motivo per cui questo genere di pensiero è contrario al politeismo è che il politeismo è pur sempre stato bisessuale. Benché in forma nevrotica: Giove viene a dragare in terra, ossia è quello che mette il rapporto sessuale in basso, ossia un classico della nevrosi.  …

Leggi tutto


Pronunciato il 7 marzo 1998
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 980307SC_GBC1 391 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi