8° – ORIGINE E LAVORO

Corso 1996-1997
ISTITUZIONI DEL PENSIERO LAICO: L’ESPERIENZA GIURIDICA

 

 

Provo, con il gusto personale che ho, a cercare di cogliere, secondo le doti e risorse mie personali, in che cosa individuo la disputa, anche nel senso più storicamente noto del termine: di che cosa si discute.

Si tratta di una opposizione tra origine e lavoro. O: tutto il Settecento è pieno di origine della società, origine del pensiero, origine delle idee, origine dei costumi. Mai trovato che l’individuazione fosse cercata nel lavoro. Il mio amico Esposito ricorda quanto abbiamo discusso dell’ente e se l’ente vada preso, definito, prima che comporti investimento di lavoro o quando già comporti investimento di lavoro. Lo dico in un altro modo.

Qui noi abbiamo un pensiero, il pensiero di Vico. Questo pensiero ha posto essenzialmente — l’ho colto così e mai prima di questa mattina l’avevo colto così — due termine tra i quali avviene tutto. Semplicemente io trovo che i due termini sono aggiunti praeter necessitatem, ossia perché serve a lui. Esiste un pensiero che non ha bisogno di porre questi due termini estremi per cui tutto il resto è deduzione. Il primo termine bruto cui corrisponderebbe qualcosa e l’altro estremo alto e tutti i sinonimi.

Noi neghiamo che da bruto e alto viene tutta la serie dei termini che sono stati introdotti, o anche altri che non sono stati introdotti perché non sono suggestivi nella storia dei pensanti. Per esempio, la coppia Natura-Cultura, io empirico – io trascendentale, poi si è parlato dell’amore: l’amor proprio. Allora abbiamo l’ammissione di un amore 1 e un amore 2. Secondo me finirebbe per saltare fuori una pietà 1 e una pietà 2. Poi tutti gli altri termini: utile-rapporto, umano-mito, utile-archetipo, infantile adulto, ragione 1 – ragione 2, conflitto-pace.

Anche questo è un mito: la configurazione generale che l’esperienza, quando più eminentemente giuridica, tutta si svolge all’interno del mito — che vuol dire raccontare le cose — secondo il quale l’esperienza si svolge tra… e tra…, tra bruto e alto.

E infatti la frase finale, limpidissima e brillante, dice che il tuo bene sì lo puoi ricevere dall’altro, ma se ne ricevi la misura dall’alto.  …

Leggi tutto


Pronunciato il 22 marzo 1997
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
Testo non rivisto dall’Autore
I testi relativi agli interventi di questo Corso sono stati raccolti nel volume L’ esperienza giuridica, Sic Edizioni


Download

File Dimensione del file
pdf 970322SC_GBC1 397 KB
Lemmi: ,

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.