9° – LA NORMA – O AMORE – È AVERE UNA FRASE DI INIZIO

Corso 1997/1998
UNIVERSITÀ. CHE COSA POSSO SAPERE

 

 

Quando pubblicheremo il libro dei lavori di quest’anno, ogni mattina, ogni giornata dovrà cominciare con i pezzi di Cavalleri.

Un rapido pensiero mio per introdurre in una parola la giornata di oggi: la norma — sinonimo: “l’amore” (alcuni avranno già compreso la sinonimia secondo la quale trattiamo queste due parole) —, ancor meglio sarebbe dire «La norma…» e poi fare una nota a piè di pagine e dire: «Il significato di ciò ho appena detto è il significato della parola amore, che è come dire che nessuna frase può iniziare con «Ti amo», ma ci sarà una frase tale che dopo la persona cui l’ho rivolta possa dirsi, come con una nota a piè di pagina nel proprio intelletto «Allora questo è amore». La frase «Ti amo» è un flatus vocis che nel migliore dei casi è puramente inutile. Se è la nota a piè di pagina che dice «Allora, questo è amore» allora ci siamo.

La norma è avere una frase di inizio — proprio di inizio giornata, può trattarsi di due sposi al risveglio, di due che si incontrano per strada, dell’inizio di una parlata come quella che ha fatto Pietro R. Cavalleri o che sto facendo io, etc., ventiquattr’ore al giorno, stante che noi siamo delle ventiquatt’ore ambulanti — tutti gli inizi, anche i più empirici e contingenti (quando avremo l’intervallo e incontreremo qualcuno che non vediamo da n giorni o all’apertura di un’azienda, che ha un inizio; quindi la parola eccetera è ben usata in questo caso. Et coetera: ogni altra occasione che si possa dare) — la norma quindi è avere una frase di inizio — che sia tale da verificare il detto che «il buon giorno inizia dal mattino», si vede dal mattino, dal mattino di ogni occasione, di ogni circostanza, fossero anche le tre del pomeriggio — in cui l’Altro possa inserirsi, introdursi, meglio inserirsi e introdursi che il sopravvenire, il sopraggiungere, con una sua frase. Il risultato essendo imprevisto al primo e al secondo. Qui si può vedere che cosa è un patto, che è differente da un contratto, perché nel contratto è già tutto scritto prima.  …

Leggi tutto


Pronunciato il 21 marzo 1998
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 980321SC_GBC1 350 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi