A FREUD NESSUNA OBIEZIONE

Quasi nessuno si è accorto (per vergogna, penso) che a Freud non sono state fatte obiezioni in alcuna sede (scientifica, politica, religiosa):
l’unica fatta non merita questo nome perché è l’obiezione dell’idiota, quella che dice “superato!”:
si potrebbe partire da qui per fondare una sociologia dell’idiota, ancora condenda.

I furbetti lo dicono con la “ragione” che ormai sono passati più di cento anni, il che nessuno oserebbe sostenere per le teorie scientifiche, filosofiche, politiche(-economiche), e neppure per la letteratura.

All’inizio gli si obiettava di essere un “ciarlatano” (Kurpfurscher”), ma presto si è riconosciuto che non teneva, allora si è passati alle successive volgari distorsioni-esaltazioni del suo pensiero, per infine arrivare all’obiezione dell’idiota.

Resterebbe la chance di obiettargli che è matto, e si sa che ai matti non si fanno obiezioni (“Ditegli sempre di sì”, Eduardo de Filippo), ma Freud ha avuto la sagacia di rispondere in anticipo (“Io sono riuscito là dove il paranoico fallisce”, lettera a Ferenczi 1910).

Si tratta sempre di ritiro o disinvestimento del pensiero che, se è, è investimento, atto:
ritiro dal fatto che Freud pone il pensiero come sempre in  moto chiamandolo “inconscio”, e il moto umano come conforme a una legge di pensiero (“pulsione”), sempre e solo di pensiero, in moto e movens:
per lo più male cioè patologico, anzi è così che lo incontriamo (il che fa digrignare i denti al paranoico).

martedì 9 aprile 2013

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 130409TH_GBC3 117 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.