AGOSTINO. APPAGATI O PREOCCUPATI

Intervista a Giacomo B. Contri di Stefania Falasca

 

 

«Professore, no» si schermisce quando lo incontriamo. E ironicamente aggiunge: «Dottore, prego. Non angelico, solo medico e psicoanalista». Giacomo B. Contri vive e lavora a Milano dove è nato. Si è formato però a Parigi con Jacques Lacan, il grande psicoanalista francese scomparso nel 1981, nonché presso l’Ecole Pratique des Hautes Études, tra la fine degli anni 60 e i primi anni 70. Il suo interesse inizialmente si è appuntato sui temi della legge e del diritto sviluppati in riferimento a Lutero, Hobbes, Kant e Kelsen. Ha tradotto per Einaudi gli Scritti di Jacques Lacan, nonché i volumi fin qui pubblicati del Seminario, sempre di Lacan. Ha collaborato anche con Boringhieri. Lui stesso è direttore della editrice Sic. Ed è promotore di un programma di Enciclopedia che vedrà a mesi l’uscita dei primi testi. Dirige l’istituto Il Lavoro Psicanalitico, e da due anni la Scuola Pratica di Psicologia e Psicopatologia. Sta per uscire il suo Freud e Lacan nell’Italia dei Papi. Ma non è per questo titolo curioso che lo abbiamo richiesto di quest’intervista. È perché gli specialisti ripetono spesso luoghi comuni anche trattando di luoghi speciali, come la Città di Dio. Il dottor Contri no.

Perché uno psicoanalista quale è lei si interessa di Agostino e in particolare della Città di Dio?

GIACOMO CONTRI: Secondo l’esperienza e la dottrina del mio lavoro, gli uomini si dividono in due categorie: quelli che sono centrati sull’appagamento, o soddisfazione, e quelli che non lo sono. Anzi, quelli che non sono centrati sull’appagamento sono polemici contro l’esserlo (è la perversione). Quelli per i quali il motivo del Padre è decisivo, e quelli che lo rifiutano. Ma ricusare il Padre è come affermare che non esiste alcun universo: perché Padre vuol dire universo. Il mondo si divide esattamente in due, proprio come due città distinte: da una parte quelli che vivono in rapporto all’universo, che sono centrati sull’appagamento e sul Padre; dall’altra, la slabbrata città di quelli che non lo sono. Che ci sono due città vuol dire che ci sono due modi di concepire i legami umani, i rapporti, due modi di vivere e di pensare la realtà umana cioè sociale. Agostino ha operato la stessa distinzione. E per questo che ho cominciato a interessarmi alla Città di Dio.

Quando ha iniziato a occuparsi della Città di Dio?

CONTRI: Nell’87 ho pubblicato per la Jaca Book: Leggi. Ambiti e ragione dell’inconscio. Il sottotitolo doveva essere Città e ragione dell’inconscio, perché era pensato proprio in riferimento alle due Città di Agostino. Poi Città è diventato Ambiti, non so come.

Un libro di psicoanalisi, comunque. Non avevo altri motivi per parlare della Città di Dio se non in questo contesto; e da miscredente (ci tengo, sa? Più sono credente, più tengo alla differenza di potenziale in me tra credente e miscredente). Avevo scoperto che la distinzione fra le due Città non è solo, come tutti pensano, il risultato della Rivelazione (con la solita conseguenza che se ci credi, bene, se no fa niente; per cui tutto risulta irrilevante), ma che la distinzione delle due Città è anche una verità della ragione, è una distinzione corretta per la ragione e la si rintraccia nell’esperienza comune. Ad esempio, uno dei proverbi più veri è quello che dice: “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, dimmi con chi vai e ti dirò a che città appartieni. È una distinzione, anche naturalmente, profondamente vera e reale.  …

Leggi tutto


30GIORNI
N.11 – 1992
Novembre 1992


Download

File Dimensione del file
pdf 921130GG_GBC3 505 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi