ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ

Questa coppia riguarda tutti, qui la applico a Freud prima che a tutti quanti.

1° uno è attendibile se la sua asserzione (osservativa o inferenziale) è verificabile da altri:
i quali a volte, conoscendolo già come attendibile, in qualche caso gli crederanno sì senza verifica ma solo per risparmiare tempo, una fede effimera senza fede;
una sfumatura: “attendibile” significa che lo si può attendere, ossia che verrà in un modo o in un altro, ci sarà comunque verifica della sua asserzione.

2° uno è affidabile se una sua asserzione non verificabile, cioè solo credibile, è recepita come prodotta da qualcuno già noto come non menzognero né illusorio né illuso, ossia come innocente, non ingenuo, consistente (non contraddittorio).

Freud è attendibile e affidabile, e a questo proposito mi riferirò a due mie (e altrui) esperienze:
1° molti anni fa una rappresentante del kleinismo ha insinuato in modo abbastanza sprezzante che nel caso “Il piccolo Hans” Freud si era inventato tutto, ossia che era inattendibile:
pur dispiacendomi ciò che avevo udito, ho raccolto l’insinuazione, avevo già imparato a fare mia qualsiasi obiezione e a non scandalizzarmi di niente:
l’attendibilità di Freud mi è nota (sapere) dal fatto che io stesso ho poi conosciuto tanti piccoli Hans, tanti Hänsel e Gretel, i cui casi posso esporre a mia volta a chiunque senza presupporre la mia attendibilità, in un linguaggio comune senza le stregonerie lessicali e fraseologiche di tanti psicoanalisti (non ho più bisogno di dire “l’es”, “l’inconscio”, “il superio” eccetera, pur potendolo fare con pedanteria competente).

2° giovane psicoanalista, udivo diversi colleghi senior dichiarare di “credere” in Freud:
già da subito la cosa non mi piaceva, di fede sentivo già parlare da una vita:
eppure Freud i requisiti dell’af-fidabilità – l’unico significato o concetto che riconosco alla parola “fede” – li aveva: innocenza (non nuocere), non ingenuità, consistenza.

Ora la situazione si fa interessante:
Freud, benché affidabile, non ha ritenuto di proporci asserzioni non verificabili cioè solo credibili:
ecco perché per differenza, e non perché io sia un bravo ragazzo di parrocchia, ho ritenuto, per puro illuminismo, di portare alla luce il caso di un altro affidabile, Gesù – innocenza, non ingenuità,  consistenza – che ha invece ritenuto di proporci un piccolo numero di asserzioni non verificabili ma solo credibili (ma certo non ha proposto di credere in “Dio”).

Applichiamo a tutti la coppia attendibilità-affidabilità, amanti, genitori, insegnanti, intellettuali, scienziati, affaristi, politici, chiunque, semplicemente per buon senso, per non finire male.

L’amore si situa nell’attendibile, non nell’affidabile, che è invece l’errore con cui tentiamo i bambini mentendo.

mercoledì 21 aprile 2010

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 100421TH_GBC3 238 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.