“CHI LASCIA LA VIA VECCHIA …”

con quel che segue.

Questa frase è una delle massime cattiverie e tradimenti, non solo nel suo contenuto, ma nel suo proporsi come razionalità:
è totalizzante, e conosco casi di obbedienza assoluta ad essa.

L’interruzione di questa obbedienza è debitrice di ciò che, bene o male, è stato chiamato “inconscio”:
cioè un pensiero anteriore che benché censurato non è morto,
e che non perché anteriore è più vecchio, bensì è primario:
è in quanto primario che era già disponibile alla via nuova.

Anni fa ho più volte usato un’espressione che lo dice bene per i bambini, in quanto quelli che senza umiliazione sanno “bussare a tutti gli sportelli”:
il primo esempio che ne adduco è quello del bambino che chiama “papà” il genitore del suo amico d’infanzia, lo zio, l’amico di famiglia che passa di lì:
e non si tratta di lapsus.

La via vecchia, oppure nuova, è anzitutto quella delle frasi:
i nostri impuntamenti e fissazioni nelle frasi e nelle parole(-frasi) a volte hanno perfino dell’incredibile:
conosco persone che da quarant’anni non hanno apportato ad esse neppure la minima variazione, anche solo lessicale:
per avere l’idea di tempo fermo non abbiamo dunque bisogno di fare chissà che speculazioni.

Nulla a che vedere con la linguistica, salvo promuovere come disciplina una linguistica patologica, riguardante la principale e più efficace delle nostre azioni o fatti:
per esempio, quanti secoli di psicoanalisi ci vogliono perché uno la faccia finita con la frase “Fatti non parole!”?:
sarebbe una via nuova, e guarigione.

A tutti i livelli (politico, letterario, filosofico, giornalistico eccetera) ci sono oggi segni avanzati di una generale glaciazione linguistica, eternità anticipata come Era glaciale.

Milano, 30 aprile 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090430TH_GBC3 255 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.