CHI MI AMA MI SFRUTTA

(verità economica)

 

 

Chi mi ama mi sfrutta:
mi mette al lavoro per la produzione di ricchezza,
con una remunerazione che è godimento del tesoro prodotto (diversa dal salario).

Non ho certo detto che chi mi sfrutta (lavoro salariato dopo la schiavitù) mi ama.

Il caso peggiore è un altro ancora, terzo, minaccioso oggi:
quello in cui non c’è né sfruttamento né amore:
che sia questa la “Crisi”?,
storicamente nuova in tal caso, senza paragone con quella del ’29.

Si allunga la lista di parole destinate a significati opposti:
sfruttamento, lavoro, precariato, occupazione … , amore (parola sempre oscura), godimento (idem).

Solo il povero non è sfruttabile, in ambedue i significati, salvo che dall’ideologia morale dell’eccipiente,
e senza essere plebe:
il povero non è uno sfruttato, è uno sfrattato, con tendopoli quando va bene.

Intelligenza-economia-salute vorrebbero che ci rendessimo sfruttabili, nel primo e secondo significato.

L’ontologia amorosa – “amare per ciò che uno è” -, né ama né sfrutta.

Questa pagina potrebbe venire letta come commento al celebre “L’albero si giudica [non dall’essere che è ma] dai frutti”,
e ad altro ancora.

Milano, 05 maggio 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090505TH_GBC3 395 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.