CIAO

L’alternativa alla schiavitù è …

Ma prima:
la schiavitù di cui parlo non è quella dello schiavo antico, bensì del prigioniero della caverna di Platone, che non parlava affatto degli schiavi di Atene ma dei propri concittadini, o dei cittadini di Toqueville in “La democrazia in America” (vedi “Tocqueville, o il ‘sogno’ americano”, venerdì 12 dicembre).

Riprendo:
l’alternativa all’essere schiavo è farsi sciao.

In sé stesso non è un gran gioco di parole:
deriva dalla formula di saluto “ciao”, universalmente nota anche in Cina, pronunciata dal Signore veneziano che si offre come schiavo (sciao) all’altro che incontra per via (il Signore frequenta di preferenza buone vie, all’occasione le inventa):
“ciao”designa, anche se di solito con mondana ipocrisia, la desiderabile e autonoma servitù del libero, che è tale perché Signore:
che as-seconda (un verbo eccellente), perché riconosce l’iniziativa (non imperativo) di un altro:
il frutto dirime tra inizio e comando (“capo”).

É anche il “servo” della parabola dei talenti, o delle mine:
o l’“ancilla domini”, serva non servetta (come pensa senza dirlo la maggior parte della  tradizione predicatoria), Cenerentola celestiale:
solo una Signora si offre come ancilla non di uno qualsiasi ma domini.

Freud ha promosso la relazione ancillare (“femminile”, “passiva”) anche tra uomini:
e come condizione per l’osservanza della differenza sessuale (non omosessualità).

Solo i Signori sono liberi:
lo dico a costo di attirarmi il vituperio del sindacalismo, della sinistra, dei preti religiosi e laici (ormai non troppo diversi tra loro):
la libertà non precede ma segue la sovranità:
sul “libero arbitrio” l’intera storia della Teologia non ne ha detta una giusta.

(S)ciao equivale a “vengo”, salvo motivo a ragion veduta per non andare a un appuntamento, e solo perché non lo è:
rammento i “rapporti di dipendenza dell’io, Abhängigkeiten des Ichs”, di Freud.

Nelle patologie, soprattutto nella paranoia, si preferisce la schiavitù alla sciavitù.

Milano, 14 gennaio 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090114TH_GBC3 395 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.