DECALOGO DEL PARALOGISMO

Ne inizio l’elenco, liberi tutti di incrementarlo, modificarlo (come in Wikipedia), obiettare.

Del paralogismo come ragionamento fallace si sono occupati i sapienti del Gruppo storico dei “Sapienti”, anche distinguendolo, chi sì chi no, dal sofisma:
ma non si sono occupati dei ragionamenti fallaci che rendono fallato e fallito il pensare del bambino, che aveva iniziato bene.

Si tratta di sostituzione indebita di un pensiero a un altro pensiero:
un primo caso è quello della funesta accusa ai bambini di dire bugie (mitigazione lessicale di “menzogna”, ma che come tale sarà recepita), allorché si tratta semplicemente di soluzioni-ponte per oltrepassare un ostacolo, o perfino di omissione di un argomento semplicemente perché non giudicato interessante:
oppure perché giudicato così interessante da non volerlo mettere in pericolo;
un altro è l’accusa al bambino di rubare, mentre ha soltanto prelevato modeste somme come anticipo non richiesto dell’eredità (nulla a che vedere con il drogato che manda in rovina l’economia domestica);
non mi dilungo sull’imperativo a non accettare nulla dagli estranei;
arresto il lungo elenco dei paralogismi dolosi di questa specie, per segnalare il già segnalato e più grave:
il bambino già sa quanto basta dell’amore per l’esperienza di essere trattato bene:
ma verrà per lui il giorno infausto in cui gli si parlerà di “L’Amore”:
pochi ne escono, neppure i terremoti sono una tale fonte di disastri;
ma è della stessa famiglia il paralogismo con cui Platone, fuori dalla caverna, sostituisce con destrezza all’onesto percettivo sole l’Idea “Il Bene”, con un poco prestigioso gioco di prestigio;
per finire (provvisoriamente), segnalo che anche la parola “percezione” è finita nel paralogismo, rigorosamente separata com’è diventata la sua accezione sensoriale da quella economica:
il risultato della separazione di sensoriale e economico è di allucinare il reale.

Il Cielo infernale del paralogismo ci ferisce in pochi anni:
Freud resta eccezionale – eccezione nella storia del pensiero – per avere individuato nei primi cinque-sei anni di vita l’epoca in cui i giochi sono fatti, intendo i cattivi giochi del primo iniquo paralogistico processo:
lui ha offerto il poter darsi di una seconda epoca, quella di un nuovo processo (vedi “Processo d’appello”, martedì 19 maggio).

Milano, 22 maggio 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090522TH_GBC3 396 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.