ENIGMA E MISTERO

Si distingue un silenzio da assenza di frastuono, discreto. Ma anche questo si distingue: c’è un silenzio frastornante, silentemente indiscreto, fino a vociante. È il silenzio del troppo e ininterrotto pensare, ossessivo non solo nell'omonima nevrosi, ma in ogni nevrosi, e psicosi, e anche perversione . . .


 

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati.

Per visualizzarlo:

 Accedi o Registrati con il modulo a lato

Copyright © 2022 (Giacomo B. Contri) Raffaella Colombo - C.F. CLMRFL55B43Z133J
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016