“FIGLI DI NESSUNO …”: L’ODIO AMOROSO O L’UNO

É appena tornato attuale uno degli orrori della mia giovinezza, uno dei “Canti degli Alpini” ma diverso da altri, più progredito diciamo così:
su questo Blog ho già trovato da ridire su tali Canti in generale, per la giustificazione da “cuore” che danno della Grande Guerra, ma questo fa parte a sé.

Prima ne riproduco il refrain:

Figli di nessuno / Tra le rocce noi viviam. /
Ci disprezza ognuno / Perché laceri noi siam. /
Ma se ce n’è uno / Che ci sappia comandar e dominar /
Figli di nessuno / Anche a digiuno / Saprem marciar.

Questo ritornello ha il cupo merito di illustrare nel comportamento attivo la legge di moto dei corpi secondo la massa o gruppo, marciare:
che ha due alternative, o marciare senza meta, o farlo con meta, che è la violenza.

Anche il Capo del gruppo è soggetto a due alternative:
o marciano secondo lui, o marciano contro di lui:
per la massa tutti sono sagome, puri bersagli, anche il Capo che, nella sua astrattezza di Capo, è la prima sagoma, il principio della serie, la sagoma Uno.

Il legame sociale che risulta dall’identificazione a Uno, è un’Associazione per delinquere.

Ne aveva già dato rappresentazione Michelangelo nella Sistina con il suo se-allora:
se di Gesù si fa l’Uno o il Capo astratto di una massa (non il caput reale di un pensante), allora i suoi prima o poi marciano contro di lui, e la donna gli volta le spalle.

Ma ora è il caso di prestare attenzione:
vero che il ritornello suona pre-fascista, e così è stato, ma sul “pre” si può sbagliare molto:
l’anticamera di questo “pre” si apre non su una sola camera ma su molte, perfino confliggenti tra loro:
fascista, nazista, comunista, democratica, religiosa, …, come tanti paradigmi dell’Uno.

In questi giorni di lancio-del-Duomo, si fa un gran parlare molto imprudente di Odio/Amore accoppiati e configgenti nel legame sociale:
ma di questo non ce n’è uno solo:
1° quel legame sociale che unifica un paese, e che chiamiamo “diritto statuale”, esclude dal suo seno la coppia Odio/Amore perché non include l’amore:
non perché lo esclude ma perché non ne ha la competenza, e lo lascia ad altro legame sociale non configurabile da questo.

2° sarebbe una conquista per ognuno liberare la parola “amore” dai suoi usi consueti,  per riservarla come nome di una Costituzione, legame universale, tale che in esso una relazione privilegiata – non egualitaria bensì asimmetrica senza ineguaglianza – non si privatizza rispetto a ogni altra:
qui l’odio è escluso, non per ignoranza né incompetenza.

3° nel legame sociale detto “massa” o “gruppo” si fa appunto gran parlare di Odio/Amore, ma solo parassitando (zizzania del linguaggio) la parola “amore”:
riservando questa, a. orizzontalmente per il contatto (cameratesco o compagnonesco) con i co-identificati, b. verticalmente per l’identificazione stessa all’Uno, con il quale non può darsi partnership, ma tutt’al più episodica e unilaterale condiscendenza compagnona o cameratesca;
e riservando la parola “odio” all’assenza di tali due assi:
non si tratta di ambivalenza tra opposti ma di equivalenza double-face.

Il Capo stesso è sempre minacciosamente esposto alla violenza dei suoi, al fuoco pseudo-amico, perché l’identificazione ha nel suo orizzonte l’omicidio del Capo stesso, sagoma delle sagome, qualunque dei qualunqui.

Nella mia storia ho visto più di un Capo, benché individualmente degno di rispetto e tutt’altro che pura sagoma, cadere sotto il fuoco dei “suoi”:
la tentazione a cadere attivamente o passivamente in una tale posizione è grande, e non risparmia nessuno, al punto che è virtù l’accorgersene con sapere:
Freud poi J. Lacan hanno avuto questa virtù, non per ritirarsi a vita privata né nella saggezza né nella psicosi, ma per lavorare alla formazione di un nuovo legame sociale, nuovo in quanto esente dall’Uno.

Milano, 17 dicembre 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 091217TH_GBC3 592 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.