I “MITI”

Che i miti siano dei bonaccioni è soltanto un … mito, e slavato.

[ormai è domenica avanzata: mi è mancato il tempo di terminare questo articolo.]

Tale mito esiste solo nelle nostre illusioni morali offensive intorno ai “semplici”, un predicato dell’ignoranza sui bambini e sul “popolo”:
non c’è semplicità del bambino bensì ingenuità, parola che designa la mancanza di difesa (giudizio) rispetto all’inganno intellettuale, cioè la disposizione a venire ammalato.

Ho preso questa parola dal discorso detto “della montagna”, che la presceglie per denominare coloro che ereditano (“Beati i miti perché erediteranno la terra”):
chi vorrà terminare questo articolo  dovrà costruire il concetto “mite” come quello di non-violenza in ordine all’acquisizione del possesso legittimo (eredità), ossia senza furto, omicidio, menzogna, aggressione (che non è l’“aggressività” degli psicologi).

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 130126TH_GBC3 96 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.