3° – IL DISARCIONAMENTO DELL’INTELLETTO. UN DANNO O UN IDEALE?

3° SIMPOSIO
IL DISARCIONAMENTO DELL’INTELLETTO.
UN DANNO O UN IDEALE?

Introduzione

 

Diamo inizio a questo terzo Simposio.
A me andrebbe anche benissimo se fossimo in pochi, anche se mi piace vedere molti amici, amici del pensiero: è l’unica accezione di amicizia che io ammetto, all’occorrenza, fino alla severità, non faccio concessioni emotive. L’emozione è il sostituto dell’affetto e si compera al supermercato, l’affetto no.
Tengo a ripetere sull’affetto – sto riassumendo Freud in modo inatteso –: qui c’è la mia mano, rappresentazione, visiva in questo caso, anatomica sui testi di anatomia, mano astratta. Sappiamo che la mano anatomica esiste solo nel cadavere. La mano esiste sempre e solo nell’affetto. Qual è l’affetto della mano? Questo: è la forma della mia mano che stringe la bottiglia, è la forma della mano investita sulla bottiglia. La mia mano ama la bottiglia – questo è l’affetto – e la ama semplicemente perché assume una certa forma intorno alla bottiglia. Questo è l’affetto. Nell’emozione la mano non stringe più niente; il portatore della mano va al supermercato a trovarsi una qualche postura della mano.
Non so perché ho cominciato da qui.
L’affetto è quello presente, onnipresente quando leggiamo un libro, un romanzo in quanto ci avvince. Non c’è alcuna emozione nel leggere un libro avvincente o anche nel guardare un film. Dal principio alla fine il mio è puro affetto per quel libro. Qualcuno potrebbe anche dire, sbagliando, che mentre leggo il romanzo io non esisto più: esisto dall’inizio alla fine, esisto nell’affetto per quel libro, mi trasporta. In tedesco “mi trasporta” si dice übertragung, la traduzione transfert è una parolaccia. Come si fa a tradurre così? È un trasporto.
Ho trasporto, sono trasportato dal romanzo. Sono passivo nel leggere il romanzo? Sì, è passività; l’attività sta nel continuare a leggere, nel continuare ad essere passivo sotto il romanzo; in questo caso viva la passività. Ho letto libri di gente che sulla teoria delle passioni ne ha dette e scritte tante, ma ho notato quanto poco si fa mente al fatto che passione viene dal verbo latino patire, che vuol dire essere passivo, non soffrire. …

Leggi tutto


Pronunciato il 23 febbraio 2013
Trascrizione a cura di Sara Giammattei
Revisione di Glauco Maria Genga
Testo non rivisto dall’Autore


Download

File Dimensione del file
pdf 130223SAP_GBC1a 239 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.