IL DOLORE DELL’UOMO MODERNO

Introduzione

 

La prima considerazione che ci veniva da fare, all’interno del gruppo organizzatore, era che ad una certa diffusione del benessere economico è proceduto parallelamente anche un certo sviluppo medico-tecnologico i cui obiettivi primari erano una certa emancipazione dalla sofferenza, una certa emancipazione dall’esperienza del dolore; in maniera un po’ più approfondita, una certa emancipazione dalle cause della sofferenza e dalle cause del dolore.

Questo processo di emancipazione, doveroso e positivo, talvolta ha avuto delle manifestazioni secondarie indesiderate.

La conseguenza prima è stato un aumento della paura del dolore, soprattutto come elemento che può disturbare. Dolore nelle sue molteplici manifestazioni, che al momento non sto a enucleare, però causa non solo di sofferenza ma di disturbo. Causa di disturbo per lo scorrere programmato della propria esistenza. Da qui l’esigenza di cercare di approfondire questo argomento.

Per farlo, abbiamo chiesto un aiuto a quattro scienze: da quattro punti di vista diversi abbiamo chiesto di affrontare questa problematica. Il punto di vista della scienza psicoanalitica, quella medica, quella biblica e quella teologica.

Oggi ascolteremo in particolare due rappresentanti di queste scienze, i quali prima separatamente e poi insieme, proveranno a dialogare su questo tema.

Se, come sembra, l’iniziativa avrà successo è nelle intenzioni dei promotori dare una certa continuità a questo tipo di incontri, ma forse anche ad altri tipi di incontri che di volta in volta si vedranno di organizzare.  (…)

Giacomo B. Contri

 

È già evidente che questo è un incontro serio, quello di oggi; lo sappiamo dagli amici che ci hanno invitato, dalla premessa, da Malagola, e in modo reale già dalla comunicazione di don Ruggeri. Mi permetto di aggiungere che c’è serietà e serietà. In questo momento non siamo in un’aula universitaria in cui la serietà significa seguire dei programmi formalmente del tutto prestabiliti. Io mi sento più a mio agio in questo momento a fare un intervento abbastanza breve e non lungo per magari riservarmi a più tardi. Variamo un po’ sull’ordine. Non penso vi dispiaccia.

Intervenire per dire un nocciolo tra i noccioli, le idee, gli appunti che avevo preparato, che va incontro, nel senso di dirigersi verso lo stesso punto del globo verso cui si muove ciò che ha detto don Ruggeri. Lo faccio da materialista e miscredente quale sono, ossia come Giobbe.

Proprio in un seminario di ieri sera osservavo che non abbiamo alcun bisogno di attribuire a Giobbe una credenza, perché Giobbe possa stare nel rapporto con Dio, quale il testo gli riconosce l’intervento finale di Dio stesso, è più che sufficiente constatare che si comporta nei confronti del dolore allo stesso modo che è stato definito da Gesù: Giobbe ha un rifiuto viscerale per il dolore. Non lo tollera e si arrabbia con quei delinquenti immorali dei suoi interlocutori per il fatto che vogliono persuaderlo di qualcosa di diverso. È sufficiente questa ragione per ritenere che Giobbe non può che avere i migliori rapporti con Dio. Uno così di certo è impostato in modo tale da non potere che avere i migliori rapporti con Dio. E non a caso Giobbe è stato collocato fra le figure che più o meno alla lontana anticipano, alludono, prefigurano Cristo.  …

Leggi tutto


Dolore e modernità – Centro Culturale F.L. Ferrari. Circolo Medico
Carpi, 8 febbraio 1992
Interventi di:
– Dr. Fornaciari
– Dr. Franco Malagola, Psicoanalista
– Don Giuseppe Ruggeri, Sacerdote
– Dr. Giacomo B. Contri, Psicoanalista
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
Testi non rivisti dagli Autori


Download

File Dimensione del file
pdf 920208CAR_GBC1 827 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.