IL PENSIERO DI NATURA. IL PENSIERO DEL PADRE

L’argomento sviluppato da me questa sera, se anche fosse affrontato con la balbuzie, non sarebbe male affrontato. Perché io e altri ci troviamo ad avere la fortuna di parlare di qualcosa (il Padre) di cui, salvo le cinque lettere, quasi non si parla da cinque secoli.

La nostra cultura è religiosa e non sa ben dire cosa significa questa parola. Se ci affidassimo ai mezzi culturali (enciclopedie…) non ne troveremmo nulla.

La parola Padre suona ovvia. Non viene ordinariamente in mente che cosa vuole dire. Il riferimento, causato dalla banalizzazione della psicologia, alla “figura paterna”, la rende ancora più ovvia.

Nella predicatoria, stante che il Padre è eterno, se ne parla come del “buono”, del “misericordioso”. Se è solo questo, siamo ai limiti dell’eresia: deve rinunciare a giudicare, ossia rinuncia all’intelletto. La figura puramente ridicola di Babbo Natale è quella vincente: è così stupido che non giudica.

È strano che nelle lingue moderne la parola Padre esiste ancora. Solo in spagnolo, correttamente, “i miei genitori” si dice padres.

Ciò non toglie nulla alla stupidità possibile agli spagnoli al pari di noi. Se la correttezza della lingua garantisse l’intelletto del singolo, allora gli psicoanalisti di lingua tedesca dovrebbero essere meno stupidi degli psicoanalisti che leggono Freud in traduzione. Mentre non è così. E poi: anche le trasmissioni linguistiche più slavate arrivano alla gente (people), e la gente riesce a trattare l’informazione rielaborandola, e ci arriva con la sua testa.

Non ci sono padre e madre. Se ci sono due genitori che funzionano bene con i figli, è perché c’è una funzione paterna che entrambi esercitano nei confronti dei figli (e anche reciprocamente).

Non c’è neanche maschilità e femminilità. C’è solo uomo e donna. È quando incominciano ad andare male le cose tra U e D che spuntano i ruoli paterno e materno.

Ma allora, che cosa vuole dire questa parola?

La sola ragione per cui viene mantenuta, è per potere tenere in piedi Babbo Natale. …

Leggi tutto


Comune di Busto Arsizio
Assessorato alle relazioni
Busto Arsizio, Sala Zappellini
26 ottobre 1995


Download

File Dimensione del file
pdf 951026BUS_GBC1 459 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi