IL PENSIONANTE

Da bambino mia madre mi chiamava “il pensionante”, e per una volta ero d’accordo con lei.

Vorrei scrivere un racconto alla Cechov con questo titolo,
oppure “Un bambino di strada”, la razza migliore e senza discriminazioni di razza, religione eccetera:
qui sono anche discepolo dei Grimm, la mia seconda Bibbia d’infanzia, la prima essendo stata la cosiddetta.

Devo a questa esperienza (di pensionante, di bambino di strada) il mio apprezzamento di sempre per l’espressione popolare “Un bambino ha sette vite come i gatti”, e anche l’invenzione di un’altra:
“Il bambino sano è quello che sa rivolgersi a tutti gli sportelli”, ivi compreso avere più padri e più madri:
mia madre era seccatissima per questo, mio padre se ne infischiava e gliene sono ancora grato.

Un altro mio ricordo d’infanzia è di avere desiderato che i miei genitori si separassero, ed era un desiderio razionale:
infatti, così avrei avuto due case (non ero poi un bambino tanto stupido).

La strada
– in “La strada” Fellini non ha titolato giusto, forse inquinato dal romanzo piccoloborghese ottocentesco accoppiato all’esistenzialismo:
la sua era una strada, senza questione di meta o conclusione -,
non mi ha impedito, anzi proprio al contrario, di cominciare presto a essere un forte lettore:
ecco un altro caso di sportello, molteplice ossia con varianti e alternative.

Hanno cominciato presto a darmi dell’“intellettuale”, peccato che fosse per invidia (pedagogica sempre), tanto più che l’intellettualismo è una virtù infantile:
presto repressa, peggio ancora minacciata, infine rimossa dal bambino stesso.

Ancora nell’infanzia, apprezzavo il titolo di quel certo romanzo “Senza famiglia” (Hector Malot, 1878), indipendentemente dal suo contenuto lagrimevole-patetico.

Questa mia storia
– di cui ometto tutto il resto, e ometto anche ciò che sulla famiglia hanno detto pensatori non banali, della cui non-banalità si è perso lo stampo -,
mi renderebbe contrario alla famiglia, salvo la solita tolleranza per i “costumi” acquisiti e antichi.

Constato inoltre che oggi, anche se non sembra, nessuno difende davvero la famiglia (né “la vita”), salvo il prevalente fondamentalismo pio, anche laico, tutto impostato sull’automatismo apologetico e sulla banalizzazione:
è stanchezza intellettuale generalizzata (oggi predominante), in seguito a rassegnazione, anche laica ripeto, per la “valle di lacrime”.

Eppure, malgrado tutto, non sono diventato un nemico della famiglia:
piuttosto, il mio pensiero ha preso una strada nuova arricchendo la questione con due nuovi argomenti, nuovi perché tolti dalla censura.

Continuerò.

Milano, 26 maggio 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090526TH_GBC3 412 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.