IL TRIBUNALE FREUD

Conosciamo un’espressione linguistica eccellente: essere a posto. Ognuno può scoprirne la gamma di significati, incluso quello della salute. Ha il medesimo significato di stare bene.

La parola “essere” (sostantivo, verbo ausiliare) della vecchia filosofia dell’essere vi è sì mantenuta, ma in un nuovo ordine – che chiamo “Ordine giuridico del linguaggio”- che non solo ne rispetta l’esigenza realistica, ma anche la libera dalla sua prigione teorica, quella dell’essere presupposto: infatti per l’essere-a-posto bisogna che l’essere ci vada, al posto, con le proprie gambe, anziché continuare a essere… pre-sub-posto ossia fatto preliminarmente servo.

Finalmente un po’ di rispetto per l’essere. Freud definiva la psicoanalisi “scienza senza presupposti”, (voraussetzungslose Wissenschaft): una rivoluzione filosofica.

Facciamo un Tribunale come giudizio sull’irrispettosità discorsiva contro l’essere ossia ciascuno di noi.

Se non è lui-essere ad andarci con le sue gambe, risulterà sistemato male: ecco un’altra opportuna e corretta espressione linguistica comune, quella che dice “come sono sistemato!”, o “ti sistemo io!” Cose da “Regime” politico. …

 

Leggi online

Download


Download

File Dimensione del file
pdf 2006_IL_TRIBUNALE_FREUD 120 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.