INVIDIO IL BUE: IL COW-TEST

Non penso che G. Carducci
– “T’amo, o pio bove, e mite un sentimento / Di vigore e di pace al cuor m’infondi.” –
potesse anche solo sospettare la fonte di questo suo nobile sentimento ecumenico.

Un bue, o una vacca, è solo un bue, produce lavoro, filetto, latte se vacca, letame in passato, calore nelle vecchie stalle per contadini al freddo, e dunque?

Prima di pronunciarmi mi sono consultato a più riprese e a tempo perso (a volte serve perderlo) con diverse persone che hanno confermato il mio ricordo come identico al loro:
tutti ricordavamo che da un anno all’altro (per me tra i sette e gli otto), eravamo passati a invidiarlo/invidiarla
– non l’invidia malevola, per una volta –
per la disposizione a starsene lì, nel prato o nella stalla, senza segni di nervosismo o inquietudine ma con vigore, pace, mitezza:
insomma non si annoiavano, non avevano l’esperienza della noia mentre io sì, e ricordo di averlo anche verbalizzato:
poi ho esteso l’invidia a gatti, cani, cavalli.

La noia è la corruzione dell’esperienza del tempo:
una corruzione non iniziale:
sorvolo pateticamente sui filosofi a proposito del tempo.

La fonte di cui sopra è un sentimento di buona invidia:
li invidiavamo di non subire l’aggressione della noia.

Sul tono dello scherzo ma con la medesima serietà, mi è accaduto di conversare con un’amica su perché mai capiti di chiamare “vacca” una donna, remota com’è la bovina dall’eccitare e eccitarsi:
la vacca non è nervosa, non si annoia, è … facile:
annoto che, dopo le vacche bucoliche d’infanzia, ho conosciuto pochissime … vacche.

La donna mannara di cui ho fatto l’apologia non è nervosa, e non lo diventerebbe neppure se le dessi della … vacca:
anzi, sapendo come penso cioè amica del mio pensiero, troverebbe che sono gentile con lei come lei con me.

Ho così inventato un nuovo test, il Cow-test, ma temo che non riuscirò mai a farlo riconoscere alla Psicologia mondiale:
esso testa l’insorgenza del “superio” nella sua emergenza come noia, parente di angoscia e senso di colpa.

Almeno, abbiamo un’attenuante per lo stupido pregiudizio millenario (filosofico) della nostra animalità (“O animal grazioso e benigno”):
un pregiudizio antiscientifico, perché in esso confondiamo una materia (biologica) con una classificazione evolutiva della materia (qui l’animale), un errore millenario che persiste nella storia della Scienza.

Milano, 15 luglio 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090715TH_GBC3 394 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.