LA FORZA MODESTA DEL SONNO

SABATO DOMENICA 8-9 MARZO 2014
in anno 157 post Freud amicum natum

La forza modesta del sonno

 

 

Il desiderio di dormire è una virtù, una forza:
come lo è ogni desiderio, ma quello di dormire viene al primo posto.

Non ci sono desideri illusori, ma illusioni di desiderio:
che in politica si chiamano “sogni”, sbagliando anche in questo.

Dormire è una riuscita, una soddisfazione a condizione di due accondiscendenze:
alla vita autonoma dei neuroni (senza dormire si muore), e al mondo degli altri umani perché significa “fate voi” almeno per un po’:
l’insonne è un Atlante condannato a reggere sempre il mondo.

Ogni desiderio ha queste due condizioni, che Freud chiamava “passive” o anche “femminili”, ossia la forza del desiderio non è muscolatura volitiva:
non che il volere manchi, ma come voglia:
nella mia passività accondiscendente l’altro lavora per me senza che io lo comandi.

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 140308TH_GBC3 103 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.