LA SCORCIATOIA DEI SECOLI. TRE INTERVENTI NELLA DISCUSSIONE

1981_MI_image

O dèi, figli di dèi, io sono il vostro artefice e padre, e le cose generate per mezzo mio non sono dissolubili, se io nol voglio. Tutto che è legato è dissolubile, ma il voler dissolvere quello che è ben congiunto e che sta bene è da malvagio.
E però neppur voi, poiché siete stati generati, siete immortali, né interamente indissolubili, ma non sarete disciolti, né vi coglierà la sorte del morire, perché la mia volontà è per voi legame anche maggiore e più forte di quelli da cui foste legati nascendo.
Ascoltate or dunque quello che vi dimostra il mio discorso.
(Timeo,
41 a-b. Parla il demiurgo)

 

 

1. La scorciatoia dei secoli

La psicoanalisi, questa scorciatoia dei secoli, è in difficoltà col suo, di tempo.

Con i suoi tempi, meglio, distinti in tre capi: il suo tempo cronologico (distinto in durata dell’analisi e durata della seduta); il suo tempo logico (quello che impone una conclusione nel tempo cronologico, e che non è un semplice affare di tappe successive e progressive della guarigione, come alcuni analisti un po’ comodamente credono); il suo tempo-epoca, quello in cui è nata e opera la psicoanalisi: che, in particolare, è l’epoca della scoperta della cosiddetta «resistenza», scoperta drammatica perché viene a turbare il bell’ottimismo, rispetto al tempo, del felice esito progressivo se solo si è «bravi» psicoanalisti e se la tecnica è semplicemente e progressivamente «messa a punto» come si conviene.

La psicoanalisi è scorciatoia dei secoli non per abbreviare scorrettamente, ma perché ciò che nei e dei secoli si prolunga è durato troppo per continuare così: ciò che il terapeutismo psicoanalitico maschera è che anche in ogni analisi si discute di ciò che nei secoli non si dirime mai: nell’amore, nei « rapporti » tra i sessi, in ciò che è « umanità », nelle dottrine su tutto questo, fino all’ordine civile e a ciò che è pensiero pensante e produzione intellettuale.  …

Leggi tutto


In AA. VV., Il gioco impari, a cura di A. Voltolin e M. Cirlà, Franco Angeli, Milano 1983, pagg. 98-117.


Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.