L’ALTEZZA E LA SUPERBIA

L’universo è una superficie infinita cui solo la superbia, non l’altezza, pone limiti.

I limiti sono solo patologici:
quelli fisici sono solo un suggerimento per inventare qualcosa.

La patologia scava delle fosse e li chiama amore, o fedeltà:
sono i manicomi che nessun Basaglia farà chiudere.

La superficie infinita (non lo spazio chiuso, non la sfera) è la condizione dell’abitare (“etica”).

L’altezza è quella del pensiero all’altezza dell’universo:
si sa che la parola “altezza” è impiegata per designare il sovrano, che è un’istituzione.

La superbia uccide la sovranità, o il pensiero illimitato, o non inibito.

Narciso, nemico dell’Universo (umano: per quello fisico va… pazzo!), incarna la stupidità (dementia) della superbia.

Milano, 29 giugno 2007

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 070629TH_GBC3 235 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi