LAVORO COME MERCE AUT LIBERTÀ

Un uomo assai noto della “sinistra” italiana ha appena detto:
“Il lavoro è un diritto, non una merce”:
ma ciò è stupido, ecco dove la “sinistra” fa pena.
Che il lavoro salariato sia una merce è un truismo, non da dimostrare:
Marx ha fatto di questa osservazione un caposaldo, associandovi un’altra osservazione, ossia che è proprio la rivoluzione moderna della libertà a farlo merce, cioè la liberazione del lavoro dalla servitù della gleba rendendolo disponibile alla sua libera vendita sul mercato (capitalismo).
E’ come la prostituzione:
questa è una prestazione corporea salariata come il lavoro salariato, infatti la prostituta vende ma è il compratore a volerne estrarre sesso (se fosse per lei, come Irma la dolce potrebbe giocare a carte):
se un lavoratore dicesse “Sono una p…na!”, mostrerebbe brio e verità insieme, pensiero, questo e molto altro (sono i Sindacati che non glielo fanno fare):
il lavoro, come il pensiero e la libertà, non è un diritto.
Il lavoro salariato è non servo bensì merce:
c’è poi il lavoro – vero lavoro – del pensiero che, quando non è coatto cioè patologico, è libero, libera iniziativa o libera impresa:
esso ha poco … mercato.
Un disoccupato non ha lavoro salariato, e non ha più l’antica “gleba”:
quale è la sua terra?

giovedì 18 dicembre 2014

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 141218TH_GBC3 89 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi