LETTO A BALDRACCHINO

Ormai è una battuta celebre di Luciana Littizzetto sentita l’8 marzo, giornata della donna, a “Che tempo che fa”:
è appena uscita la sua raccolta La Jolanda furiosa, Mondadori 2008.

Brillante la Littizzetto anche l’altra sera, quando ha detto che lei l’invidia del pene non l’ha:
poi, se la veda lei se ha saltato qualche passaggio.

Nata e nota come battuta di spirito (il Wiz esplorato da Freud), avrebbe potuto nascere anche come lapsus.

Occasione per segnalare un errore tanto comune quanto non riconosciuto come errore:
quello di credere che io stia parlando da psicoanalista.

Ciò non è vero:
per un brevissimo tempo avrebbe potuto andare così nel caso fosse un lapsus di un mio cliente, e anche questo solo per un tempo breve tra divano e poltrona:
infatti la suddetta battuta mette all’opera il pensiero
– “di natura” come l’ho chiamato, di cui la psicoanalisi è solo una derivazione –
a formulare, legittimamente per tutti, la domanda generale:
quanti e quali sono i letti non a baldracchino?

Non occorre essere dei sommi logici per concludere che
– poiché la prostituzione per soldi è solo un caso particolare di prostituzione come scambio di equivalenti, gli altri casi essendo di altra specie, sociali, rivendicativi, spirituali fino a mistici –
diventa difficile, ma anche interessante, individuare se ci sono letti non a baldracchino
(conosco persone che lo escludono, ma secondo me hanno saltato qualche passaggio anche loro, coincidentia oppositorum con gli spirituali).

Nella mia prima giovinezza la frase più oscena – e ne ho sentite tante, anche lutulente -, oscena come disgustosa non perché ob-scaenam, è stata quella della madre di un mio coetaneo quindicenne che suonava:
“Se voglio una pelliccia da mio marito, so benissimo che cosa fare”.

Per dirla alla Littizzetto, non darla può essere prostituivo quanto darla, questione di prezzo.

Non essendo erotomane, e non osceno bensì ob-scaenam, informo che c’è un qualcosa che nessuno dà via, se non al prezzo del disprezzo (che pagano tutti, “democraticamente”).

Seguono annotazioni, pedanti benché corrette, che tralascio.

Milano, 10 marzo 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090310TH_GBC3 225 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.