L’INCUBO AMERICANO

Su queste pagine mi sono dichiarato filo-Obama da subito, e non ho motivo di recedere, ma in occasione dell’attuale successo politico sulla Sanità provo ripugnanza, non per il successo di Obama ma per il generale bieco tripudio per questo:
è semplicemente accaduto che nel paese alfiere mondiale del progresso, della democrazia, della libertà, dell’uguaglianza (dimentico qualcosa?), ha iniziato a essere tolto lo storico abietto vulnus americano a tutto ciò.

Obama e  la sua legge sono stati accusati di socialismo, o di comunismo:
era già successo a Roosevelt, che ha trattato l’accusa con umorismo, peccato che umorismo e critica non bastino mai:
ma uno come me, amico di Freud, non ammette il semplice rovesciamento dall’impotenza delle armi della critica alla dubbia potenza della critica delle armi:
non è una questione morale ma analitica, anche la critica delle armi finisce nell’impotenza:
diverso è dire che la rivoluzione non è un giro di valzer.

Anche in Italia l’accusa di comunismo si spreca, rivolta com’è a parti politiche che di comunista nulla hanno (“sinistra”), essendo parti culturalmente e politicamente nate dalla cancellazione accurata di ogni traccia dell’intelligenza di Marx,  che rifiutava di occuparsi di classi sfavorite perché sfavorite:
il piagnisteo (sindacale?, pretesco?, e il ceto pretesco va aldilà dei preti) sulle classi sfavorite le trasforma in classi sfavorite piagnone.

É però vero che la storia del comunismo ha negato nella propria Costituzione politica e psicologica il principio di piacere, come esso stesso un Principio costituzionale, il pensiero come prima virtù nonché lusso:
è stato proprio un giurista bolscevico, M. Rejsner, a definirlo così:
lo stalinismo è intrinsecamente anche questa negazione, e non solo il cumulo di crimini che gli sono collegati:
c’è un legame tra i due fatti.

La legge sanitaria di Obama è “comunista” solo se presentata come un progresso statale del “sogno” americano, anziché come una doverosa, tardiva e solo parziale correzione di una protratta inescusabile pecca di civiltà, un incubo americano:
vero che è meglio se le bombe cessano di cadere, ma rifiuto di chiamare piacere o desiderio o successo la cessazione della loro caduta.

martedì 23 marzo 2010

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 100323TH_GBC3 255 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.