LO STUPIDARIO DELLA DOMENICA

Intervista a Giacomo B. Contri di Stefania Falasca

 

 

«Banali, raccogliticci, assurdi»; ma anche un segno del tentativo di svalutare il legame che c’è tra le parole cristiane e la realtà stessa del cristianesimo. Giacomo Contri non risparmia proprio nulla agli immancabili foglietti che si trovano in chiesa la domenica, per seguire la liturgia e per fare catechesi. Ma per lui questo è solo un capitolo di ben altro problema. Contri non è un teologo: è uno psichiatra, della scuola di Jacques Lacan, delle cui opere ha curato l’edizione italiana per l’Einaudi. Si definisce ironicamente “libero pensatore”. «Non mi interesso di teologia – dice – ma del legame fra logica e linguaggio».

E senza spogliarsi del rigore di un analista, da semplice fedele che va a messa la domenica, apre il caso dei commenti alla liturgia…

 

Professore, le è capitato spesso di leggere questi foglietti? 

GIACOMO CONTRI: Sì. Ma da molto tempo ormai evito di prenderli. Come dire… per non rovinarmi il palato.

Eppure è ritenuto uno strumento di massa più che valido per seguire la liturgia…

CONTRI: Non diciamo sciocchezze. Tutte queste frasette intercalate ai Vangeli e alle letture, densi di significato e spesso anche molto belli, sono una discrepanza stridente. Parole raccogliticce dalla tradizione cristiana e ripetute senza pensare e far pensare a nessun loro senso. Una fiera delle banalità, direi… un catalogo di assurdità. Un’insalata di insensataggini. 

Allora a che servono se, come lei dice, non hanno alcuna consistenza e quindi non aiutano a capire?

CONTRI: Ad un’azione instupidente. Da un lato infatti sono non chiare, banali; ma dall’altro, questa fraseria sentimentale buttata lì, glissata a sandwich, masi di soppiatto, in mezzo ai testi, risponde ad un’operazione astuta sotto ‘apparente stupidità: la derealizzazione di tutto. Ossia lo svuotamento della realtà delle cose di cui si parla nel cristianesimo. Sono perciò funzionali ad ma idea molto precisa: l’idea di cristianesimo senza Cristo e di cristianesimo senza cristiani. 

E come si esprime questa che lei chiama “opera di derealizzazione”?

CONTRI: Con un divorzio tra le parole e le cose. Un divorzio tra lingua e res. Se c’è un carattere denotativo del cristianesimo è proprio il rapporto tra parole e realtà. Nel cristianesimo le parole nominano delle cose reali o delle persone reali.  …

Leggi tutto


30GIORNI
N.1 – 1992
gennaio 1992


 

Download

File Dimensione del file
pdf 920130GG_GBC3 542 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.