MATTONI-MASSONI

In queste ultime battute prima delle vacanze rituali, per la prima volta ho avuto la curiosità di andare a specchiarmi in Google, per ricavare dall’osservazione una meditazione partecipabile:

1° l’osservazione:
ho trovato un alto numero di pagine Web che mi riguardano, peraltro con molte lacune:
di qui, ho esteso la curiosità ad altre fonti di miei scritti (questo Sito, quello di Studium Cartello, di Sic, oltre a fonti cartacee di passato e presente) e ho trovato molto altro ancora;

2° la meditazione:
ne ho ricavato un senso, che è quello di una di modestia di cui non diffido come di altre modestie, quella derivante:
a. dall’annotare che in tanti anni ho semplicemente prodotto mattoni, con la frequenza variabile di un cottimista abbastanza regolare (sorvolo sulla mia ricompensa, comunque terrena):
solo in questo Think! di meno di due anni, circa cinquecento mattoni appunto;
b. e ancora, dall’annotare che i miei mattoni disegnano una linea simile a un’alba
– niente di più, rispetto all’oscurità di una notte perdurante -,
alla quale aspiravo prima ancora di saperlo:
questo albeggiare può essere un mezzo per misurare la durata dell’intera giornata, intendo non solo la mia:
è in questo che considero partecipabile la meditazione.

Constatato il mattone, ho trovato che sono un massone.

Il senso del ridicolo di cui dispongo mi distoglie dall’ambire ad appropriarmi di questo titolo “Massoneria”:
vorrà dire che troverò un altro nome (per la verità l’ho già trovato) per il legame sociale cui tengo, in cui ognuno che lo vuole può trovare il proprio bene e posto, senza coazione oblativa o militante.

Si tratta di mattoni connessi:
anzitutto non tra loro, benché anche, ma con quelli di altri produttori,  non necessariamente già connessi:
conto anche su compagni sconosciuti.

Per questa connessione, o legame, la parola “Amicizia”, tutta da rielaborare, è adeguata:
a partire dal riconoscere in Freud il primo Amico del pensiero come tale nella storia del pensiero.

L’avversario è il gruppo, il legame di gruppo:
il Diritto fa legame mai di gruppo:
l’amore anche.

Facendo seguito a Freud, mi piacerebbe aver dato un soffio di vita a questa nuova forma di Società.

Aggiungerò qualcosa domani, prima delle vacanze estive.

Milano, 21 luglio 2008

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 080721TH_GBC3 220 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.