PAPERONE EREMITA

Non arrivo a dire che il capitalista finanziario (vedi martedì) ama l’umanità (vedi ieri), osservo però che porta acqua a qualche mulino, anche se non sa quale.

Max Weber (1864-1920) non può avere conosciuto Scrooge McDuck detto Paperone, ideato da Carl Barks nel 1947 (vedi Google):
se gli fosse capitato avrebbe cambiato analogia vocazionale (Beruf) per il  capitalista almeno finanziario:
passando dalla vocazione del benedettino a quella dell’eremita, come appunto Paperone.

Infatti Paperone:

  1. non fa né farebbe beneficenza, ma non è affatto lo Scrooge di Dickens (che aveva torto) da cui Barks ha preso le mosse, chissà se sapendolo:
    infatti quando dice “Eccomi qua, nella mia comoda dimora [potrebbe abitare un monolocale frugale come il suo abbigliamento], aspettando che passi il Natale! Che stupida festa in cui tutti si vogliono bene! Ma per me è diverso! Tutti mi odiano e io odio tutti! E tutti a comprare regali …! Pare che si divertano! Non mi sono mai divertito, io!”,
    così dicendo fa una magnifica critica del superio consumistico, pubblicitario, ridanciano, maniacale;
  2. non disdegna alcun lavoro umile, anzi non fa distinzione tra lavoro umile e nobile, d’altronde il lavoro del capitalista finanziario è umile fino a banale e ripetitivo;
  3. non ha la minima ambizione a diventare Presidente di qualcosa (del Consiglio, della Repubblica, del Partito …), e in fondo nemmeno a influenzare la politica, e tanto meno ad apparire sui giornali, in TV, o nel jet set;
  4. il suo capitale di 500 triplitrilioni di quadricatilioni di centrifugatilioni di dollari e 16 centesimi, concisamente detti fantastiliardi, è incommensurabile con quei poveri tre ettari cubici di dollari del celebre “deposito”, in altri termini il denaro come “cosa” non ha importanza;
  5. non accumula, cioè il “deposito” non è accumulo, il solo uso che ne fa è quel gaio bagno nei dollari che è effimero, fugace, giusto per non sembrare spiritualmente superiore alla cosa materiale:
    nulla a che vedere con quello stupido “ricco epulone” che crede di godere dell’accumulo, del consumare senza produrre, cioè che ha arrestato il suo moto;
  6. le sue innumerevoli e varie avventure lo mostrano curioso;
  7. certamente ha un desiderio, che non è la “cosa” ma l’incremento della cosa (il suo desiderio non è la ricchezza), anche se non sa a quale mulino porta la sua acqua.

Si ricapitola in questo il suo desiderio?:
ma io sostengo la questione:
“Quale è il desiderio di un eremita, un single?”, ossia di uno che abita uno spazio a due uscite, illimitate nelle relazioni.

venerdì 10 gennaio 2014

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


 

Download

File Dimensione del file
pdf 140110TH_GBC3 120 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.