“PLACIDO SI CHIAMAVA”

Ricordo F. F. dai tempi universitari, lui lettere io medicina, era affabile, colto, brillante, spiritoso, modesto, inventivo, buon compagno.

Ma poi un giorno inventò una canzone, parole e aria, intitolata come sopra che da lì a poco fu la sua via d’accesso a una schizofrenia patente da cui non uscì più (ma non ne so più nulla da dieci anni).

Intendo che il suo pensiero si è sempre più inoltrato nella palude della prima strofa:

“Placido si chiamava
altro io non so,
era un buono a nulla
che santo diventò.”

Nella comunità cattolica di cui era parte, e che adottò la sua canzone, nessuno colse l’insidiosità di queste frasi, che peraltro lo è anche per l’idea cattolica di “santo”, che qui risulta definito come chi non sa e non può:
io che mantengo valida l’idea di santo, lo considero uno che ha almeno un certo sapere e un certo potere.

Schizofrenia perché non c’è lavoro, come Narciso:
Narciso non lavora, vuole essere un puro ente, essere amato per quello che “è”.

La Costituzione individuale, ancora prima di quella italiana, enuncia “L’individuo è una realtà pubblica fondata sul lavoro”:
un 1° lavoro rispetto a un 2° lavoro, quello socialmente necessario.

venerdì 14 settembre 2012

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 120914TH_GBC3 96 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.