PSICHE E MEGERA

Ho appena ricevuto l’omaggio di questo Catalogo di Canova da parte di Gabriella Pediconi (Musei San Domenico, Forlì 25 gennaio – 21 giugno 2009):
la stessa mi ha fatto notare questo commento di Stendhal, 1816:
“Canova ha avuto il coraggio di non copiare i greci e di inventare una bellezza, come avevano fatto i greci”:
come facciamo noi quanto al pensiero, un pensiero che comporta una bellezza, e una verità, non greca.

Mi lascio andare al ricordo gaio di un recente rischio mortale:
eravamo, anche Gabriella Pediconi, allo Hermitage di San Pietroburgo, già Leningrado, nelle vacanze estive di tre anni fa:
nella grande sala dedicata a Canova ho avuto uno dei miei raptus da salute mentale:
mi è venuto spontaneo di baciare Psiche sulla bocca, della serie “Perché lui sì e io no?”, rendendo così onore al merito erotico di Canova.

Ma che cosa avevo fatto?!, istantaneamente l’Armata Rossa si è mossa verso di me nelle vesti furibonde di una vera megera con barba e baffi, incubo diurno e reale:
avevo dimenticato che il regime comunista usava scegliere un simile personale di sala, occhiute e ispide guardiane terrificanti.

Allora, per la mia salvezza, con un secondo raptus questa volta riparatore, con le dita le ho lanciato un bacio:
la megera si è fermata, poi è tornata al suo posto:
anche meglio di San Francesco con il lupo che era solo una bestia, Megera no.

Ammetto di essere stato un po’ carogna, ma riconoscerete che carogne così è meglio trovarle che perderle:
la subitaneità e perfezione del mio atto
– d’accordo, mi lodo da me, ma vorrei avere agito così in tante circostanze della mia vita –
nasceva non dall’astuzia, bensì dall’avere collegato donna e donna, Psiche e Megera, ossia ho riconosciuto una donna anche in Megera.

Chi è Megera?:
sappiamo che ci sono tre Erinni o Eumenidi o Furie, dee della vendetta:
Aletto (la collera incessante), Tisifone (vendetta per l’assassinio), e appunto Megera (vendetta per gelosia).

Detesto le lungaggini:
Megera è la donna negata dalla madre nella mente dell’uomo (“A che serve un uomo?”):
è di questo che Medea si vendica (la riduzione da donna a madre), non dell’opportunismo politico di quel b..do di Giasone, e nemmeno della sua concupiscenza ondivaga e magari un po’ cretina.

Una donna, salvo l’ambiguità della gelosia (vedi Freud), può amare la donna di un uomo:
la donna gelosa è la donna ossidata dalla madre nella mente dell’uomo.

Non è vero che le donne tra loro si amano.

PS

Ho detto “raptus” due volte, ma non credo affatto al raptus.

Milano, 22 aprile 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090422TH_GBC3 440 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.