QUARANTENA DELLA COSCIENZA

Poco dopo la Rivoluzione d’ottobre uno dei Commissari del popolo del governo Lenin, Michail Rejsner, scrisse nel 1925 uno dei migliori commenti possibili a Freud benché fosse un’obiezione (che riassumo a memoria):

“Ci si chiede come possa un uomo in condizioni materialmente difficili concedersi un lusso come l’inconscio”

(per un comunista la parola “lusso” designava qualcosa di osceno, ripugnante, blasfemo).

Siamo in mesi veramente virali per il pensiero, nei quali non una legge costrittiva dello Stato ma una Cultura del virus fa da trauma che ci rinchiude nella quarantena della coscienza, priva del lusso dell’inconscio in quanto un diverso regime del pensiero (in-conscio), che alla coscienza ripugna.

venerdì 27 marzo 2020

 

Apri file


Pubblicato su www.giacomocontri.it

Download

File Dimensione del file
pdf 200327TH_GBC3 83 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.