RICAPITOLAZIONE

Benvenuti a questo ennesimo incontro: io ho perso il conto, perché è il terzo in questa casa, ma numerosi hanno preceduto, a partire dagli incontri di fine anno alla Cascina Piscopo da Giulia e Francesco Piscopo in cui eravamo assai meno numerosi.

Ma dieci anni fa!

Poco fa, Tito Perlini, che saluto e risaluto per una compagnia che dura da molti anni, mi chiedeva che cosa avrei detto oggi. Gli ho dato una tipica risposta sciocca, gli ho detto che l’avrei saputo anch’io dopo. È sciocca e nient’altro. Di vero ha solo il fatto che io ho solo alcune idee chiare e il resto sono appunti. Come sempre, spero di riuscire ad essere abbastanza efficace. Ad ogni modo, ci sarà un’idea e una sola precisa che farà da piatto di questo ristorante.

È tutta un’altra musica

Prima di arrivarci, mi servo di un fatto recente: una mia nuova — sarebbe difficile chiamarla “paziente” essendo una persona priva di pazienza in qualsivoglia significato — cliente, una giovane donna sui trent’anni, sposata, con figli, che nella sua patologia è stata ripetutamente invitata da marito, conoscenti, consiglieri, etc., di farsi trattare, aiutare da qualcuno, ha sempre risposto negativamente, oppositivamente. Un giorno però, su insistenza del marito, ha risposto che non sarebbe andata da nessuno eccetto che dal Dr. Contri. L’interessante è solo il perché. In questa pratica non hanno pressoché valore i criteri soliti, standard di bravura o di serietà. Per questo lo dico. So di non stare millantando qualcosa di me.

Per quale ragione questa persona ha fatto così, e di fatto è venuta e finora è restata. Per il fatto che si sapeva un’accidiosa abbastanza colta da pensare da sé con questo lessico e aveva letto delle cose mie qui e là sulla melanconia e sull’accidia. Aveva visto che io avevo un giudizio e un giudizio sfavorevole a questo riguardo, ma un giudizio. E ha trovato che in quello che scrivevo a questo riguardo parlavo di lei. Ecco perché ha ritenuto di venire da me piuttosto che da qualcun altro che parlasse della melanconia o dell’accidia. …

Leggi tutto


Pronunciato il 4 luglio 1999
Trascrizione a cura di Gilda Di Mitri
Testo non rivisto dall’Autore


Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.