RIPASSATE …

… la Geografia!, la mia davvero cara ragazza! (vedi ieri 16 febbraio, “La ‘ripassata’ ”), e via con queste sconcezze nobili contro il corpo vile anzi avvilito delle donne ma non solo, anche degli stupidi uomini che le … ripassano:
ci perdono tutti.

Il corpus vile non è originario (“inter feces et urinam”), è prodotto:
lo è anche quello della prostituta, ma solo all’ultimo posto di ciò che è avvilito, prostituito, naturalizzato:
Maupassant aveva le idee chiare sulla prostituzione nel matrimonio borghese (“La signorina Fifì”).

Nello stesso Corso “Robinsonate” (qui “Narcisismo: il catechismo di Robinson”, 15 febbraio) mi sono diffuso in altre sconcezze nobili, come questa:
che una donna è sempre di seconda mano.

La prima mano è quella del padre, sto parlando dell’incesto come atto di pensiero non atto motorio, il che si vede nel più nitido sogno incestuoso raccolto in tutta la mia carriera di analista:
una figlia ha sognato di attendere come fidanzata nubenda (come già la poi madre) un giovane uomo (poi suo padre) di ritorno dal servizio militare, come aveva appreso dalla storia di famiglia.

Questa figlia ha avuto come primo uomo il padre, il che me la fa descrivere come di seconda mano rispetto a un eventuale suo fidanzato, il che fa del padre la prima “nave scuola” (che orrore!):
che il padre passi a “nave scuola” è una rivoluzione (freudiana).

Questa mia cliente ha poi interrotto l’analisi perché non accettava di riconoscere di avere fatto un tale sogno cioè pensiero.

Intervenendo in quel Corso sabato u. s., mi sono poi concesso una confidenza (“tra noi duemila!”) sui miei primi anni di convivenza con una donna:
le cose con lei andavano malissimo e, benché io fossi irreprensibilmente fedele all’epoca (ma perché non anche oggi?), mi sentivo ingiustamente accusare di infedeltà, fino all’obiezione:
“E se io facessi come te?”,
al che mi sono mordacemente soddisfatto con l’infame candore arrogante e brutale della risposta:
“A me le donne piacciono usate!”,
e già intendevo quanto sopra (erano gli anni in  cui la mia analisi cominciava a servirmi).

Si provi a porre in rapporto la depressione linguistica delle “ripassate” e la depressione economica.

La giurisprudenza di “Mani pulite” è lontanissima dalla mia giurisprudenza trasversale di “Lingua pulita”, e osservo che anche la lingua è un muscolo, il più potente e il più esercitato.

mercoledì 17 febbraio 2010

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 100217TH_GBC3 258 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.