SANTI E MORTI

Ne ho appena parlato, sul finale dell’articolo di sabato-domenica, inoltre esso e quello di ieri che lo prosegue basterebbero a lungo.

I santi mi piacciono se e quando ci sono (i Protestanti avrebbero dovuto esprimersi con la mia prudenza):
l’espressione popolare “(Non) sapere a che santi votarsi” è eloquente;
i morti mi piacciono morti (vedi un articolo recente), mentre di solito non muoiono mai, ci lasciano zimbelli cattivi della melanconia senza lutto, ossia non sono santi.

Ho già detto ciò che penso del santo:
è uno che si autorizza a metterci del suo, attore-autore, senza contrarre né far contrarre debiti, e senza vivere a sbafo né della grazia divina né della mala-grazia dei malvagi (non è vittima innocente, vedi un articolo recente).

Un santo è uno che almeno una volta in vita sua l’ha detta giusta.

A domani “Zimbelli e libertà”.

martedì 2 novembre 2010

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 101102TH_GBC3 250 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.