SOTTO IL MALE NIENTE

C’è un modo di presentare la psicoanalisi che giudico errato. E’ quello che si avvale della similitudine dell’albero nel suo sviluppo temporale: prima le radici pre-e-proto-freudiane, poi il tronco (sinuoso ma non contraddittorio) del pensiero di Freud, in seguito le diramazioni («scuole», correnti), distinte in maggiori e minori e in più o meno ortodosse, infine le foglie e foglioline dei singoli operatori. Al lato, rami recisi (le deviazioni, le «eresie») che hanno poi attecchito altrove diventando a loro volta alberi o alberelli diversi (con i loro rami), concorrenziali con il primo sullo stesso terreno, con eventuali rami intrecciati ai precedenti, cioè ecumenicamente non incompatibili. Il tutto sul più vasto, e vago, terreno di quella «psicologia» che nessuno sa più cosa sia, e dei suoi cosiddetti «utenti» (ma come si può ingiuriarli tanto ?!).

Le cose non stanno affatto così. Enuncio subito la tesi, che vale anche per la descrizione dei fatti: il campo della psicoanalisi è un campo anzitutto diviso in due, e questa divisione passa per tutti i suoi settori, e rami, e foglie.

Ho impiegato degli anni a capirlo, e dopo un momento di oscurità dichiarata (Ornicar, 1978), cioè la dichiarazione di capire di non capire più. Tempo dopo (Franco Angeli 1983, poi Jaka Book 1984), scrivendo un articolo su Platone – il demiurgo, l’ordine del discorso, l’inconscio – scoprivo la presenza dello gnosticismo anche nella psicoanalisi: per me fu una specie di folgorazione, i cui effetti e vantaggi durano tutt’oggi. Mi esprimevo in righe asciutte, essenziali, anzi povere.

Leggi online

Pubblicato su www.studiumcartello.it


Download

File Dimensione del file
pdf 050727B&B2_GBC3 155 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi