TEODICEA DEL CRETINO

La “Teodicea” non mi ha mai persuaso, non la sopporto più, e oggi so perché.

Per chi non lo sapesse, questa parola risale a G. W. Leibniz (1646-1716),  e designa (per unione tra theòs-dio, e dìke-giustizia) lo zoppicante dibattito millenario tra bontà di dio, libertà dell’uomo, e esistenza del male.

Tutte “manfrine” plurisecolari:
conosco Teologi che saprebbero annoiarci per ore sull’argomento, e senza rendersi conto di ciò che stanno facendo (“Signore perdonali …!”).

Non mi pento di avere introdotto da qualche tempo la parola triviale “manfrina” (dalla danza popolare detta “monferrina”), come nome di una deplorevole categoria dello spirito.

É solo dopo Freud che i termini della discussione si sono completati, e dunque si può finalmente discutere senza manfrine.

Con Freud abbiamo il sapere che tra i mali c’è quello del pensiero, la cui esistenza corrente è la psicopatologia:
senza considerazione di questa, la “teodicea”, fede o non fede, è solo una faccenda di teologi-atei inutili, perditempo per loro e per tutti.

Male del pensiero è la riduzione di esso, handicap o demenza:
la stessa idea contemporanea di intelligenza è interna a quella di male del pensiero.

La parola “cretino” è così giustificata.

Rammento che “cretino”, in francese crétin, deriva da cristiano, chrétien, in una certa epoca (almeno da F. Rabelais, inizio ‘500).

Nella realtà mondiale di oggi è difficile trovare dei cretini peggiori di noi cristiani:
e dire che anche gli altri eccellono nella stessa specialità.

La salvezza dei chrétiens è sospesa al riconoscersi peccatori come crétins, appesi alla croce cretina:
un vero … peccato ossia delitto, cose da confessionale.

Riconoscersi come i Cretini della Storia potrebbe però servire come giudizio sul senso della Storia:
sulla quale il compagno Hegel non mi basta, per non avere saputo pensare il cretino ossia il male del pensiero.

Cristiani o non cristiani, in comune pensiamo Cristo come cretino, non pensante-pensatore.

Milano, 10 luglio 2009

Download

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 090710TH_GBC3 397 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.