TERAPISTA CURA TE STESSO

Circa un secolo fa sono stati costruiti i programmi — benché ancora senza computer — per l’umanità del nostro secolo: sappiamo che non ne è risultata l’umanità del sole dell’avvenire. Uno di quei programmi si è chiamato “Psicologia scientifica”. Esso permane duro e puro (altri sono declinati, pare). Più libri di Storia della Psicologia si sono chiesti con metodologica serietà se essa abbia realizzato o no il suo programma, quello di essere una scienza come le altre, Fisica Biologia eccetera più Matematica. Domanda tipica dell’universitarismo, ossia che ne elude un’altra: che cosa veramente e realmente sia una Psicologia che si propone di realizzarsi come una scienza positiva tra le altre scienze. Che specie di programma sia un simile programma.

Su cosa sia “scienza” è stato scritto di tutto, ma su un punto c’è consenso: una scienza è predittiva. Predice per esempio come la terra e il sole si comporteranno domani, tra un anno e passa. Allora la domanda è: che cosa è una Psicologia come scienza predittiva? Rispondo senza esitare: non è una scienza dell’uomo, è una scienza dell’uomo malato. Solo l’uomo malato è predicibile. E l’inverso: l’uomo predicibile è l’uomo malato (se guarisce, esce dalla predicibilità). Allora a essere intellettualmente onesti, si dovrebbe riconoscere che come scienza predittiva, la Psicologia dovrebbe essere Psicopatologia, scienza della malattia psichica, il che è recisamente negato.

Il programma di una Psicologia come scienza aspirante a iscriversi al simposio delle altre scienze, è un programma univoco: la produzione dell’uomo predicibile. Cioè dell’uomo malato. Produzione, o neo-produzione, cioè riforma in forme possibilmente non troppo veteropatologiche, ma neopatologiche. Suvvia, se ci sono gli archetipi, si cercherà di passare, per trasformazioni, a dei neo-tipi. Faremo di te uno schizofrenico nuovo, un “uomo nuovo”! …

Leggi tutto


Il Sabato
n. 46 – 1992
14 novembre 1992


 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2020 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.