UN BAMBINO NORMALE (GIAPPONESE)

Tutti al mondo sanno del bambino giapponese di sette anni, Yamato, sopravvissuto da solo per quasi una settimana nella foresta bevendo acqua, e per il resto dando fondo alle sue riserve lipidiche:
ciò a seguito (non dico effetto) dell’intelletto cretino di genitori che hanno creduto di punirlo fingendo di abbandonarlo sulla strada, per tornare poco dopo a raccattarlo pentito e piangente:
lui invece non si è fatto raccattare, e senza lacrime si è nascosto e poi allontanato.

Potremmo dire, con la letteratura italiana, che è andato dagli Appennini alle Ande non per trovare la mamma, semmai è lui che l’ha abbandonata in cattiva compagnia col degno coniuge.

Chissà se per una volta impareranno qualcosa gli psicologi, e anche psicoanalisti, con la loro brava “sindrome di abbandono”.

Io sono appartenuto, come Yamato oggi, a una generazione di bambini di ieri che pensavano realisticamente le favole di genitori morti di fame, che abbandonavano i bambini nella foresta per non vederli morire della stessa fame (penso ai barconi):
in quelle favole i bambini erano notevoli per iniziativa, e non piangevano.

Eravamo normali.

Quelli dell’ISIS non sono certo bene intenzionati quando insegnano ai bambini l’uso da fare delle armi, ma è a bambini così che si rivolgono.

lunedì 6 giugno 2016

Apri file

Pubblicato su www.giacomocontri.it


Download

File Dimensione del file
pdf 160606TH_GBC3 93 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.