UNA FRASE DETTA “AMORE”

Non è un come un tram chiamato desiderio.

L’amore non è un sentimento, né un sentimento morale (A. Smith), benché tutt’altro che privo di sentimenti o affetti (emozioni consiglio di no, ma non ricominciamo).

“Amore”, se significa qualcosa e solitamente no, è una frase, una frase ben fatta, well formed logicamente:
la mia di freudiano è logica giuridica, con le sue inferenze.

Si constata che amore e lingua vanno male ambedue, insieme, con-patiscono (questo è il terra-terra dell’osservazione psicoanalitica):
dunque, “attento a come parli!” quando dici frasi come “Cara ti amo”, o peggio “Cara, ma io ti amo lo stesso” (orribile e stupido), o “Io amo i miei figli”:
sono spesso sgangheratamente false, e la cara e i figli lo capiscono al volo, con pessime conseguenze.

Una legge “divina” dell’amore?:
ma “Dio”, anche se fosse stato “Lui” a promulgarla, lascia a noi (“a immagine e somiglianza”) di inventarla anzi di porla come frase, anzi di reinventarla e riporla, dato che l’amore nella sua frase plurimillennaria si era rivelato catastrofico (dall’“amore” alla guerra di Troia ossia l’innamoramento),
e tutta la letteratura, la canzone, la nostra esperienza personale è lì a dirlo,
e nel modo più infernale la melanconica canzone napoletana, che nella sua istigazione alla nostalgia suggerisce il suicidio.

Che il top dell’amore sia dare la vita è solo il top dell’equivoco:
la storia dell’umanità ha visto molti eroi dare la vita per una causa, e volesse il cielo che non lo avessero fatto, come nel caso del giovane nazista morto in uno scontro con i comunisti il cui nome ha dato occasione per lo “Horst-Wessel Lied”, il più noto dei canti nazisti.

Ma per non riferirmi solo alla tragedia storica del Nazismo, mi riferisco a un’altra tragedia millenaria e quotidiana, quella delle madri melanconiche sempre ma sempre dolorosae che brandiscono sulla testa dei figli la frase “Quando sarò morta capirete!” (o anche, non profumi ma balocchi).

L’amore che dico è stato posto per primo da Gesù:
ora, c’è grave equivoco nel prendere il “dare la vita” come rimetterci la pelle:
un errore vistoso e volgare, a partire dall’applicarlo al caso di Gesù.   …

Leggi tutto

Pubblicato sul sito www.culturacattolica.it giovedì 4 marzo 2010


Download

File Dimensione del file
pdf 100304CC_GBC3 394 KB

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Copyright © 2021 Giacomo B. Contri - C.F. CNTGMB41S04E379X
Copyright - Contatti - Tutela della Privacy - Cookie Policy


Credits


Data di pubblicazione: 05/06/2016



Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Contatore utenti connessi